Napoli, in ospedale reparto chiuso per il party del primario: scatta la denuncia

Un intero reparto chiuso per consentire i festeggiamenti indetti dal primario: questo l'oggetto della denuncia del consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli. Scattate le indagini sul caso.

da , il

    Napoli, in ospedale reparto chiuso per il party del primario: scatta la denuncia

    Napoli: in ospedale reparto chiuso per il party del primario. Scattano le indagini dopo la denuncia del fatto da parte di un consigliere regionale dei Verdi in Campania. Sarebbero state numerose, infatti, le segnalazioni al riguardo, e il primo provvedimento è stato la sospensione del medico su cui ora gravano pesanti accuse.

    Reparto chiuso per la festa del primario: sospeso

    Il reparto di Chirurgia Vascolare del nuovo Ospedale del Mare, a Napoli, è teatro dell’episodio denunciato dal consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, membro della commissione Sanità.

    Un’intera sezione sotto scacco per consentire al personale di prendere parte ai festeggiamenti in un locale di Pozzuoli, organizzati dal neo primario. Lo scopo? Festeggiare il nuovo incarico.

    Tutti i pazienti sarebbero stati dimessi nella notte tra venerdì e sabato, come rende noto Borrelli, che sostiene di avere ricevuto numerose segnalazioni in merito.

    “Ho contattato il direttore dell’Asl Napoli 1, Mario Forlenza, e il direttore sanitario dell’Ospedale del Mare, Giuseppe Russo, per chiedere conferma sull’incredibile vicenda” ha precisato il consigliere.

    Il primo provvedimento scattato nei confronti del primario, Francesco Pignatelli, è la sospensione in via cautelare, in attesa di ulteriori accertamenti sul caso.

    Un intero reparto pronto ai festeggiamenti

    Si sarebbero organizzati a puntino turni, ferie, malattie al fine di non mancare alla festa. Questo quanto emerso da una prima ricostruzione sulla condotta del personale.

    Al via un’ispezione all’interno del reparto, predisposta dopo la sospensione del neo primario. Nei prossimi giorni potrebbero emergere nuovi elementi.