Mostre Firenze: programma di Private Flat per le lettrici che amano l'arte contemporanea

Dall'8 al 10 ottobre 2010 si svolgerà a Firenze Private Flat. Un evento molto particolare dedicato all'arte contemporanea. 70 artisti espongono in 17 spazi privati della città. Le esposizioni sono ad ingresso gratuito

Firenze panorama

Sapete bene che la nostra curiosità ci spinge a cercare sempre nuove iniziative e proposte per il vostro prezioso tempo libero. Private Flat ci ha subito colpito per la sua straordinarietà. Si tratta di un evento dedicato all’arte contemporanea che si svolgerà a Firenze da domani e fino a domenica. Una tre giorni di arte che metterà in mostra le opere di 70 artisti contemporanei. La particolarità di questa esposizione è che coinvolge curatori, artisti e cittadini che aprono le proprie case e i propri spazi di lavoro per ospitare le opere protagoniste. Una sorta di rete di case aperte al pubblico che ama l’arte contemporanea. Le mostre, inoltre, sono tutte a ingresso gratuito.

Il programma della mostra è molto ricco.
Private Flat inaugura venerdi 8 ottobre con apertura dalle 16 alle 21 e un opening party alle 20 con performance live di Alpin Folks, Gioacchino Turù e Vanessa V., Soulsick (Casa della Creatività, vicolo di Santa Maria Maggiore 1). Sabato e domenica gli spazi saranno aperti dalle 10 alle 20. 
 

Come dicevamo si tratta di un evento molto particolare che consentirà di vivere la città e gli angoli dedicati all’arte contemporanea che vi sono ospitati. Sono 17 gli spazi coinvolti in questo progetto. Di seguito l’elenco. 
 

Spazio #6.1 via Riguccio Galluzzi 3
One way. Comunicare prescindendo dall’ascoltatore
curato da Silvio Valpreda. Artisti presenti: ALT Group, Heiko Beck, Fannidada,
Sato Kawabata, Paolo Mandolino, Julia Steuernagel, Silvio Valpreda.
Spazio #6.2 via Alfredo Oriani 21
inPossibilità
curato da Claudia Olendrowicz e Miriam Valiani. Artisti presenti: Nora Körner,
Claudia Olendrowicz, Charlotte Seidel, Miriam Valiani.
Spazio #6.3 via dei Della Robbia 82/5
Ustioni
curato da FAC (Fronte Arte Contemporanea). Artisti presenti: Davide Allieri,
azt, Fabrizio Cotognini, Giovanni Gaggia, Dario Ghibaudo, Oscar Giaconia,
Andrea Magaraggia, Sebastiano Mauri.
Spazio #6.4 piazzale Donatello 33
I limiti del mio linguaggio sono i limiti del mio corpo
curato da Costanza Baldini. Artisti presenti: Lorenzo “Logu” Guasti,
Fuckyouverymuch, Valentina Massimino, Sabrina Muzi, Vaclav Pisvejc.
Spazio #6.5 via Giuseppe Giusti 16
B-label
curato da Irene Balzani e Irene Innocente. Artisti presenti:Lisa Batacchi,
Raffaele Di Vaia, Franco Menicagli.
Spazio #6.6 via Fra’ Paolo Sarpi 22
B/B_ridammi la parola
curato da Ophelia Lauper. Artisti presenti: Serena Bastari, Manikè, Mauro
Frediani, Viola Niccolai, Ophelia Lauper, Elena Pellicci, Silvia Rocchi.
Spazio #6.7 via Scipione Ammirato 80
Effetti postbabelici
curato da Chiara Ruberti. Artisti presenti: Luca Coppola+Niccolò Mazzoni,
Giuseppe De Grazia, Massimo Pasca, Paola Spencer.
Spazio #6.8 via Cittadella 6
La distanza
curato da Alessandro Garda. Artisti presenti: Sandro Rafanelli.
Spazio #6.9 via Il Prato 64
Cupe vampe
curato da Matilde Puleo. Artisti presenti: Meri Ciuchi, Virginia Lopez, Paola
Maffei, Antonella Mercati, Muzakiller Foundation, Pino Puntù.
Spazio #6.10 via Palazzuolo 104
L’origine perduta
curato da Valentina Filice. Artisti presenti: Gianni Barelli, Annalisa Berella,
Mattia Colombo, Zanbagh Lotfi, Aryan Ozmaci, Elena Palazzini, Daniela Pitrè,
Vinicio Venturi, Tatiana Villani.
Spazio #6.11 via Isola delle Stinche 3
The wall (archives)
un progetto di Pietro Gaglianò.
Spazio #6.12 via de’ Benci 23
Traduzioni radicali
curato da codec. Artisti presenti: Ismail Acar, Azzurra Argentieri, Cyop&Kaf,
Letteria Giuffrè Pagano, Francesco Lastrucci, Enikó Lórinczi, Ximena Zuniga,
Aleksandra Zurczak.
Spazio #6.13 via di San Niccolò 23
Performance site specific. N. due maggiore di uno
un progetto di Stimm.ung.blend e Rutsch.
Spazio #6.14 via Maggio 43
New Babylon: osservatorio di metamorfosi
curato da Alessandra Acocella e Alessandro Gallicchio. Artisti presenti: Guido
Cozzi, Rachel Morellet.
Spazio #6.15 via Maggio 64r
Una stanza per tè
curato da Fiorella Nicosia. Artisti presenti: Brunella Baldi, Manuela Mancioppi.
Spazio #6.16 via della Chiesa 27
BOI (Babylon Optical Illusion)
curato da Ilaria Castellino e Micro. Artisti presenti:Katia Giuliani, Simone
Ialongo, Debora La Mantia. 
 
Spazio #6.17 via del Campuccio 52
O-Skenè
curato da Matteo Innocenti. Artisti presenti: Lucilla Bellini, Manuela Menici,
Vanni Meozzi, Michele Simonetti. 
 

Quest’anno l’evento porta il titolo di Brucia Babilonia e l’intenzione è quella di coniugare una riflessione comune sui temi della comunicazione interpersonale e interculturale, in una doppia dimensione
sociale e privata. 
 

Fateci un giro se potete e poi raccontateci. 
 

Parole di Assunta Corbo