Modena, tentato femminicidio: donna brutalmente picchiata per strada

Sull'aggressione indaga la polizia. A contattare la centrale operativa lo stesso assalitore, che ha lasciato la vittima, una 44enne, a terra esanime. Il volto fracassato con calci e pugni, poi la perdita di conoscenza. A far scaturire la follia dell'uomo una lite, presumibilmente per futili motivi.

da , il

    Modena, tentato femminicidio: donna brutalmente picchiata per strada

    Brutale aggressione nella notte a Modena: un tentato femminicidio ha avuto per protagonista una donna, brutalmente picchiata per strada. A chiamare il 113 lo stesso aggressore, che alla centrale operativa ha detto di aver ucciso una sua amica. La vittima, una 44enne, presenta gravissime lesioni ed è stata ritrovata in stato di incoscienza sull’asfalto, nei pressi del centro storico.

    La telefonata alla polizia dopo l’agguato

    Dopo quella telefonata concitata, in cui un uomo chiedeva l’intervento della polizia dopo aver detto di aver ucciso la sua amica, lo scenario che si è presentato agli agenti intervenuti sul posto è stato inquietante.

    Una 44enne, riversa a terra e priva di sensi, sarebbe stata vittima di una brutale aggressione nella notte di martedì, 10 aprile, in pieno centro a Modena.

    La donna vittima di un tentato femminicidio

    Gravissime le lesioni riportate: il volto fracassato da calci e pugni, poi la rovinosa caduta sull’asfalto. Gli inquirenti avrebbero già individuato una precisa firma alla brutale aggressione, con un fermo per tentato omicidio a carico di un 40enne.

    La donna, che secondo le ricostruzioni della polizia conosce il suo aggressore, versa ora in prognosi riservata in ospedale, per via di numerose fratture al volto.

    L’ipotesi di una lite per futili motivi

    Vittima e aggressore sarebbero solo conoscenti, secondo un primo quadro della dinamica del tentato femminicidio tracciato dagli inquirenti.

    A scatenare la violenza potrebbe essere stata una lite per futili motivi, sfociata nel sangue. Dopo aver chiesto l’intervento della polizia, l’uomo si sarebbe dileguato, forse convinto di averla uccisa.

    Sarebbe bastato poco per rintracciare il presunto aggressore, ritrovato in stato di palese agitazione, ora sottoposto al fermo.

    I precedenti della persona sottoposta a fermo

    La persona sottoposta a fermo ha 40 anni, si tratta di un italiano già noto alle forze dell’ordine per precedenti violenti, tra cui maltrattamenti sulla madre.

    Il suo sarebbe il profilo di un uomo ‘che odia le donne’, e il fatto accaduto a Modena potrebbe ascriversi, secondo la tesi investigativa, a un incontro casuale tra i due.

    La 44enne lo avrebbe incrociato mentre faceva ritorno a casa, e per motivi ancora da accertare sarebbe nato un diverbio poi tradottosi nell’aggressione fisica.