Minacce e abusi su due sorelle: ‘Vi brucio vive’, arrestato un 35enne

In manette un marocchino, già noto alle forze dell'ordine. Le vittime avrebbero subito violenze per mesi, a partire dallo scorso novembre. A consentire alle autorità di intercettare gli abusi, la mediazione di un centro antiviolenza cui le donne si erano rivolte.

da , il

    Minacce e abusi su due sorelle: ‘Vi brucio vive’, arrestato un 35enne

    ‘Vi brucio vive’: è sotto questa sinistra minaccia che un 35enne, arrestato a Bari, avrebbe abusato per mesi di due sorelle, stando alle ricostruzioni dal novembre 2017 al marzo scorso. L’ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata emessa dal gip Giovanni Abbattista. I reati contestati vanno dalla violenza sessuale continuata agli atti persecutori.

    La ricostruzione della Procura di Bari

    In manette è finito un marocchino di 35 anni, che per mesi (dal novembre 2017 al marzo scorso) avrebbe violentato due sorelle connazionali sotto minaccia di renderle invalide.

    ‘Vi brucio vive’, avrebbe ripetuto alle vittime, in un’escalation di abusi senza fine. Ora dovrà rispondere di varie contestazioni, tra cui la violenza sessuale continuata e lo stalking.

    Noto alle forze dell’ordine, era stato già arrestato per un altro reato. Secondo la Procura, gli abusi sarebbero stati condotti sulle due donne dopo che il 35enne aveva interrotto la relazione con una di loro.

    La denuncia e l’arresto del 35enne marocchino

    Avrebbe insistito con atti persecutori ai danni della sua ex, tra minacce, botte e vessazioni di vario genere. Le aggressioni fisiche sarebbero sfociate in violenza sessuale, sia sulla diretta destinataria della condotta criminale dell’uomo, sia sulla sorella di lei, precipitata nello stesso vortice di abusi.

    Il 35enne avrebbe minacciato di gettare sulle vittime dell’acido, di renderle invalide bruciandole vive. A far scattare le indagini, e il successivo arresto, la denuncia delle vittime presso un centro antiviolenza di Gioia del Colle.