Meningite: bimba di 10 mesi rischia di morire a Bologna

Stando a quanto emerso, la minore non era stata vaccinata, al pari dei due fratelli maggiori. La bambina è stata salvata all'ospedale Sant'Orsola

ospedale

Foto: Pixabay

Una bambina di 10 mesi ha rischiato la vita per la meningite a Bologna. Ricoverata all’ospedale Sant’Orsola, è stata salvata e trasferita per due mesi al Gozzadini. Secondo quanto emerso, la piccola non sarebbe stata vaccinata.

Bimba di 10 mesi colpita da meningite

La bambina di 10 mesi che ha rischiato di morire per una meningite era stata salvata al Sant’Orsola, poi trasferita per un lungo ricovero al Gozzadini.

Stando a quanto emerso, non era vaccinata. Marcello Lanari, direttore di Pediatria d’urgenza e del Pronto soccorso pediatrico, ha spiegato al Resto del Carlino che la minore era arrivata in ospedale lo scorso ottobre, in pericolo di vita.

È stato necessario l’immediato ricovero in rianimazione pediatrica dove, grazie alle cure tempestive dei colleghi, si è riusciti a scongiurare il peggio. Poi l’abbiamo sottoposta a lunghe terapie in reparto e ha dovuto anche affrontare un intervento chirurgico“.

Occorrerà attendere ancora per capire se il batterio Haemophilus influenzae tipo b ha lasciato segni.

Secondo quanto riportato dal Resto del Carlino, inoltre, anche i due fratelli della bambina non sarebbero vaccinati. I genitori non sarebbero disposti alla vaccinazione e avrebbero sostenuto la loro posizione richiamando una presunta reazione avversa sperimentata da un loro parente.

Il piano dell’anti Haemophilus tipo b si articola in tre dosi, e è obbligatorio per i nati dal 2001. Si deve effettuare al 3°, al 5° e all’11° mese di vita del bambino.

Parole di Giovanna Tedde

Giornalista pubblicista, mi occupo da anni di contenuti web in salsa multicolor: dalla cronaca nera a quella rosa, passando per approfondimenti sull'attualità e una sana dose di buona cucina…