Mantova, uccide a coltellate il padre dopo una violenta lite. Arrestato a Borgo Trento

Nicola, 37 anni, ha colpito ripetutamente il genitore davanti a tutta la famiglia

Pubblicato da Beatrice Elerdini Martedì 2 ottobre 2018

Mantova, uccide a coltellate il padre dopo una violenta lite. Arrestato a Borgo Trento
Foto: Ansa

E’ finita in tragedia una lite tra padre e figlio a Mantova: è successo lunedì primo ottobre, poco dopo l’ora di cena, in un appartamento di piazza Virgiliana. Nicola, 37 anni, appena tornato dal Brasile, ha iniziato a discutere con il genitore, Paolo Vignali, imprenditore edile di 62 anni. A un certo punto il giovane ha perso il controllo e ha colpito ripetutamente con un coltello l’uomo. Subito dopo, completamente fuori di sé, è fuggito nella zona di Verona, dove poi è stato arrestato dalla Polizia. 

L’omicidio si è consumato tra le mura di casa, davanti agli occhi impietriti di tutta la famiglia: Paolo Vignali è stato colpito a morte con diverse coltellate all’addome e ai fianchi. Immediata la fuga di Nicola a bordo della sua auto grigia. I vicini, spaventati dalle urla provenienti dall’appartamento, hanno avvertito immediatamente le Forze dell’Ordine. La Polizia, con sede nelle vicinanze, è arrivata sul luogo del delitto in pochissimi minuti, tuttavia la tragedia si era già compiuta.

Il giorno successivo l’assassino si è presentato all’ospedale di Borgo Trento, dopo aver girovagato nella zona del basso Garda. Nel frattempo, la squadra mobile di Mantova aveva già diffuso l’allarme di fuga dell’uomo. Quando poi gli agenti di zona hanno individuato Nicola Vignali nella struttura ospedaliera, lo hanno subito condotto in caserma e arrestato. L’auto, è stata ritrovata poco distante, chiusa a chiave.

Al momento non è noto il movente del delitto, ciò che è emerso è che Nicola in passato ha sofferto di problemi psichici.

Lo scorso maggio, è stato arrestato un figlio adottivo per l’omicidio del padre 74enne.