Mangiare meno carne per tutelare la salute e l'ambiente

Ridurre del 30% il consumo di carne eviterebbe 18.000 morti premature in Gran Bretagna. E' uno dei dati emersi da uno studio di ricercatori inglesi e australiani che, usando modelli predittivi, hanno concluso che mangiare meno carne ridurrebbe le emissioni di anidride carbonica nell'atmosfera

Cosa c’è di più bello di una bella bistecca? Pensate a quanto sono divertenti i barbecue in estate? Purtroppo però mangiamo troppa carne, che danneggia la nostra salute in modo irreparabile (avete mai sentito parlare di gotta, colesterolo???). Ridurre solo del 30% il consumo di carne eviterebbe 18.000 morti premature in Gran Bretagna.
Un dato pazzesco che è emerso da uno studio di ricercatori inglesi e australiani che, usando modelli predittivi, hanno concluso che mangiare meno carne ridurrebbe le emissioni di anidride carbonica nell’atmosfera, contribuendo a contrastare i cambiamenti climatici, e gioverebbe alla salute della popolazione mondiale.
 
In Gran Bretagna, secondo i ricercatori, tagliare del 30% il consumo di carne e grassi animali ridurrebbe del 17% il numero di morti premature causate dalla malattie cardiache, in pratica 18.000 decessi in meno in un anno. In Brasile, si potrebbero evitare ogni anno 1.000 morti premature.
 
Insomma la nostra salute e il pianeta dipendono dalla carne. Secondo la Fao, il 18% di tutte le emissioni di gas serra derivano proprio dalla produzione di carne e gli esperti dicono che l’aumento della domanda che arriva dai Paesi in via di sviluppo potrebbe far salire la produzione addirittura dell’85% nel 2030 rispetto ai livelli del 2000. Forse dovremmo rivalutare il modello vegetariano.

Parole di Valentina Morosini

Valentina Morosini è stata collaboratrice di Pourfemme dal 2009 al 2017, occupandosi principalmente di salute, benessere, diete, tematiche relative alla maternità e alla vita di coppia.

Potrebbe interessarti anche