Lucca, parto da record: David pesa oltre 5 kg ma il travaglio è durato solo 10 minuti

Un parto velocissimo, a dispetto dell'imponenza del bambino che ha già segnato il suo record alla nascita. 5 kg e appena 10 minuti di travaglio, il 'piccolo' David è diventato famoso nel giro di pochi istanti.

da , il

    Lucca, parto da record: David pesa oltre 5 kg ma il travaglio è durato solo 10 minuti

    David è appena nato ma ha già segnato un record: pesa oltre 5 kg e il travaglio è durato solo 10 minuti. A Lucca, la storia del ‘piccolo gigante’ che ha visto il suo nome finire sui giornali nazionali senza nemmeno muovere i suoi primi passi. Una nascita che ha i contorni dell’eccezionalità, sia per il peso del neonato sia per la rapidità con cui è avvenuta.

    Lucca, il parto da record in soli 10 minuti

    A Lucca ha fatto presto a diffondersi la notizia della nascita di David, il ‘piccolo gigante’ di oltre 5 kg di peso nato dopo appena 10 minuti di travaglio.

    La mamma lo ha dato alla luce al San Luca: è lungo 58 centimetri e pesa esattamente 5,260 chilogrammi. La velocità del travaglio ha stupito anche i medici che, increduli, avrebbero sottoposto il neonato al controllo del peso con due bilance differenti.

    Inutile dire che il corredo pronto per il nascituro si è rivelato inadatto: David veste 3-6 mesi, e nonostante il ginecologo avesse intuito che si sarebbe trattato di un bambino più grande del solito, nessuno avrebbe mai immaginato a un record di questo tipo.

    Famiglia eccezionale: il peso del fratello e dei genitori di David alla nascita

    Buon sangue non mente: verrebbe proprio da pensare che mai detto fu più azzeccato, se si pensa che la madre, 26 anni, è alta un metro e ottantadue e il padre, 37 anni, qualche centimetro meno.

    Il fratello maggiore di David, come ha spiegato il papà dei bimbi, alla nascita pesava oltre 4 kg. Stesso peso, appena nati, dei genitori.

    Altra particolarità nel parto è che David è “nato con la camicia”, cioè senza la rottura del sacco amniotico. Un evento che si registra in un caso ogni 80mila nascite.