Lindsay Lohan ci riprova: ecco la sua 6126 collection

Linday Lohan ci riprova, dopo il clamoroso flop della sua prima collezione disegnata per Ungaro torna sul mercato con una collezione autoprodotta di leggings.

lohan

Sembra che il sogno di diventare una designer non lo voglia proprio lasciare andare. Ci ha già provato con la Maison Ungaro, e decisamente non le è andata bene, tanto che dopo solo una stagione/collezione è stata invitata a lasciare le matite e imboccare la via d’uscita. Poi la notizia che avrebbe disegnato una collezione di borse per il guru dello street style Ed Hardy, notizia che si è dissolta nella nebbia rapidamente. Ecco il terzo capitolo dell saga Lindsay Lohan, che la vede alle prese con un nuovo impegno stilistico.
Attualmente sulle pagine della cronaca perché-a quanto pare- sull’orlo della bancarotta (tanto che ha dovuto mettere di recente in vendita molti dei suoi lussuosi vestiti per poter pagare l’altissimo affitto della sua abitazione) Lindsay Lohan stringe a sé con tutte le sue forze il desiderio di diventare una designer apprezzata e torna alla ribalta questa volta con una collezione autoprodotta, la 6126 Collection, una sfilata di leggings e top coordinati che dovrebbe aprire le porte ad accessori, borse in particolare, molto presto, coinvolgendo-sembra- persino Paz Shakked Wolf, già collaboratore del duo tutto italiano di stilisti Dolce & Gabbana.
 
I 280 look proposti, si avete letto bene, 280, saranno in vendita da luglio e per festeggiare la nuova trovata l’attrice,tristemente più famosa per le sue scorribande che per le sue interpretazioni, si è regalata un altro tatuaggio, una scritta che dice “I’m a star, i’m a star”. Sembra che dell’affermazione sia talmente incerta che la Lohan abbia sentito l’esigenza di inciderselo sulla pelle. C
 
he ne pensate, questa volta avrà più successo?
 
Foto:www.dailymail.co.uk

Parole di Donatella Perrone

Donatella Perrone è stata collaboratrice di Pourfemme nel 2010, occupandosi principalmente di moda, abbigliamento, accessori.