Lecce, il padre organizza il matrimonio combinato: 14enne si taglia le vene

La ragazzina aveva rivelato il gesto a un'insegnante, perché il genitore le avrebbe vietato di usare lo smartphone. In realtà, in quel racconto mancava il dettaglio più atroce: le nozze forzate cui avrebbe dovuto sottomettersi.

Pubblicato da Giovanna Tedde Venerdì 11 maggio 2018

Lecce, il padre organizza il matrimonio combinato: 14enne si taglia le vene

Pochi giorni fa l’atroce destino di Sana Cheema. Da Lecce, l’ennesimo dramma: una 14enne si è tagliata le vene perché il padre la voleva costretta al matrimonio combinato. A svelare l’accaduto la stessa protagonista della storia, una ragazzina che ha deciso di rivelare all’insegnante l’universo di violenze dietro il suo mondo.

Rifiuta il matrimonio combinato, rischia di morire

La ragazza di 14 anni, protagonista della vicenda registrata a Lecce, è originaria dello Sri Lanka. Si trova in una struttura protetta da quasi un mese, dopo aver svelato il dramma nel quale viveva.
Il padre avrebbe organizzato un matrimonio combinato, al quale lei si rifiutava di sottostare. Inizialmente, aveva rivelato a un’insegnante di essersi tagliata i polsi perché il genitore le aveva privato l’uso del telefono.
Un racconto parziale, che mascherava, secondo le ricostruzioni, una realtà ancora più perversa. Il caso è ora sul tavolo della Procura dei minori, e dopo quanto accaduto alla 25enne Sana Cheema pochi giorni fa, sul fenomeno delle nozze forzate si sono riaccesi prepotentemente i riflettori.

Vietato chattare: le restrizioni imposte dal padre

Stando al resoconto delle dinamiche familiari fornito dalla 14enne, il padre le avrebbe impedito di utilizzare lo smartphone per paura che potesse chattare con altri ragazzi.
Questa evenienza, secondo i dettami del rigido protocollo patriarcale, avrebbe potuto minare la stabilità del progetto cucito dal genitore sul futuro della ragazzina.
L’accordo tra le ‘parti’, quindi tra il padre e il futuro marito della 14enne, sarebbe stato raggiunto da tempo, e soltanto il gesto della minore avrebbe poi dato un corso differente a un destino ampiamente segnato. Il matrimonio sarebbe stato concordato addirittura quando la piccola aveva 10 anni,