Lavori uncinetto: Fermatovaglioli fai da te

Un’idea fresca e colorata per chi ha la fortuna di cavarvela bene con l’uncinetto e vuole ravvivare la vostra tavola con classe grazie a dei ferma tovaglioli con pietre dure che vi spieghiamo come realizzare. Utilizzando del filo metallico delle pietre colorate, dei ferri da 4mm e un po’ di lana, in poco tempo avrete questi bellissimi ferma tovaglioli moderni e luminosissimi.

2
fermatovaglioli

Se volete ravvivare la vostra tavola, potete dilettarvi con i fermatovaglioli fai da te che vi mostriamo oggi. Un’idea divertente e colorata per chi se la cava bene con l’uncinetto.
Per realizzare questi splendidi fermatovaglioli occorre prima di tutto:
Filo metallico color argento, oro o altro, a seconda delle preferenze, delle pietre dure in vetro di misure e colori a scelta, ferri da 4mm, un tassello o un altro ferro da maglia e per finire un po’ di lana.
 

  • Per creare questo tipo di lavorazione, dovete lavorare i fermatovaglioli piatti, inserendo le pietre ad intervalli regolari, secondo uno schema di colore che preferite.
  • Dopo tocca mettere in forma i portatovaglioli adoperando un tassello o un ferro da maglia, attorno al quale dare alle maglie la giusta forma, prima di diventare un fermatovagliolo.
  • Questi piccoli “tubi” in metallo, ottenuti, saranno chiusi sul lato lungo, cucendo i punti vivi dell’ultima fila lavorata con le maglie di partenza, e cucendo le due estremità in modo da ottenere un anello della dimensione giusta.
  • Mentre darete forma agli anelli, potrebbe tornarvi molto utile utilizzare della lana per dare forza ai punti, oppure potreste utilizzarla alla fine a rinforzare il tutto. Ed ecco che il gioco è fatto!
     
    Con un po’ di abilità e pratica con i lavori ad uncinetto e tanta pazienza, potrete ottenere questi bellissimi fermatovaglioli colorati e raffinatissimi, l’effetto sarà fantastico, soprattutto se si sceglieranno pietre dure di colori che stanno bene insieme oppure tono su tono.

    Un’ottima idea ed un piccolo passatempo divertente per queste prime giornate d’estate!

  • Parole di Ritana Schirinzi