Latina: morto Lucky, il cagnolino preso a bastonate e gettato nei rifiuti

Il tenerissimo cane, tramortito a colpi di bastone sulla testa e poi gettato nella spazzatura chiuso in sacchi di plastica, non ce l'ha fatta. Troppo gravi le lesioni riportate in un'agghiacciante e disumana sequenza di violenza e insensibilità.

da , il

    Latina: morto Lucky, il cagnolino preso a bastonate e gettato nei rifiuti

    Il piccolo Lucky, il cane preso a bastonate e gettato nei rifiuti a Latina, non ce l’ha fatta. Per l’ennesima volta, l’atroce disegno criminale dell’uomo ha sopraffatto l’innocenza della natura e la purezza di un essere indifeso. Troppo gravi le lesioni provocate da una mano anonima di cui si cerca disperatamente l’identità.

    Lucky: un solo nome per un interminabile elenco di animali uccisi

    L’atroce epilogo che ha visto il dolcissimo Lucky spegnersi per sempre, dopo la cieca e inammissibile violenza umana, è legato a stretto giro a quello che vede, ogni giorno, decine di animali maltrattati da mani assassine.

    Anche stavolta, l’uomo ha dimostrato la sua forza sulla natura nel peggiore dei modi. Il cagnolino era stato soccorso dopo essere stato brutalmente preso a bastonate, chiuso in due buste di plastica e gettato nei rifiuti.

    Il dramma di questo piccolo essere indifeso, che avrebbe avuto tantissimo amore da dare ancora, si è consumato a Latina.

    Ad annunciare la triste svolta della sua storia è l’Associazione Amici del Cane della città laziale, che poche ore prima aveva acceso i riflettori su questo caso di umana e purtroppo ordinaria follia.

    Il cucciolo mostrava danni cerebrali talmente severi da essere praticamente irreversibili. A nulla è valsa la mobilitazione della gente perbene che ha scelto di condividere tutto quel dolore sui social, cercando persino una casa accogliente e sicura, mani buone a cui darlo in adozione.

    Si cerca il responsabile della morte del cagnolino Lucky

    Inevitabile l’ondata di sconcerto che ha percosso il web, nella frenetica ricerca di un responsabile da assicurare, seppur senza pene ancora necessariamente più severe, alla giustizia.

    Latina è una città stordita da questo orrore, e i cittadini si aspettano che le indagini possano portare alla celere identificazione di chi ha compiuto una simile atrocità.

    Il reato di cui si è macchiato colui che ha ucciso Lucky è regolato dall’articolo 544-bis del codice penale: la legge punisce con una pena da quattro mesi a due anni di reclusione chi provoca la morte di un animale, per crudeltà o senza necessità.