La storia delle Maschere di Carnevale: Peppe Nappa, Pulcinella e Rugantino

Ecco per voi la storia delle Maschere di Carnevale, ecco a voi Peppe Nappa della Sicilia, Pulcinella della città di Napoli e Rugantino di Roma.

Pubblicato da Serena Vasta Venerdì 10 febbraio 2012

La storia delle Maschere di Carnevale: Peppe Nappa, Pulcinella e Rugantino

Oggi vediamo insieme le storie delle Maschere di Carnevale di altri tre personaggi: Peppe Nappa, Pulcinella e Rugantino. Peppe Nappa è la maschera tipica della Sicilia, Pulcinella è tipica di Napoli ed invece Rugantino è la maschera tipica della città di Roma, oltre ad essere una famosa commedia musicale. Carnevale ormai è alle porte ed è giunto il momento di darsi da fare con le maschere e i costumi di Carnevale, soprattutto se volete qualcosa di originale.

Ecco le storie delle maschere di Peppe Nappa, Pulcinella e Rugantino.

Peppe Nappa
peppe nappa
Peppe Nappa è la maschera della Sicilia e somiglia molto al Pierrot francese per molti aspetti caratteriali che per il costume. Peppe Nappa è un fannullone che ha sempre sogno e sbadiglia continuamente, vive nel mondo dei sogni, si allontana solo per cercare il cibo, ed in questo ha un fiuto infallibile, peccato che non lo usi mai per svolgere il suo lavoro!

Pulcinella
pulcinella
Pulcinella è l’incarnazione del dolce far niente, è la maschera tipica della città di Napoli ed è un fannullone un po’ sciocchino ed ha una intensa gestualità, come tutti i napoletani. Pulcinella ha sempre fame e sete ed il suo piatto preferito sono senza ombra di dubbio i maccheroni al sugo.

Rugantino
maschere italiane rugantino
Rugantino è la maschera tipica della città di Roma ed è il precursore del bullo di periferia. Rugantino è il popolano violento ma dal cuore grande che finisce sempre per mettersi dalla parte dei fuori legge e contro il potere.

Ecco le storie delle altre maschere di Carnevale:
Gianduia, Meneghino e Pantalone
Arlecchino, Balanzone, Brighella e Colombina