La frutta che fa dimagrire in vista della prova costume

Frutta e verdura sono sempre presenti in una dieta varia ed equilibrata. Scopriamo quali frutti sono i migliori alleati in vista della prova costume.

Donna in piscina con un vassoio di frutta

Foto Shutterstock | Elizaveta Galitckaia

Mangiare frutta e verdura è un vero toccasana per l’organismo, tuttavia talvolta la frutta fa ingrassare. Alcune sue varietà, infatti, sono ricche di calorie e zucchero e pertanto andrebbero consumate con parsimonia.

Per mantenersi in salute e dimagrire in vista della prova costume, quindi, è meglio prediligere quella ipocalorica e ricca di vitamine, antiossidanti, sali minerali, acqua e fibre. Così da stimolare contestualmente anche la diuresi, il transito intestinale e il rinnovo cellulare.

Golose di ciliegie? Non perdetevi la dieta delle ciliegie per dimagrire pancia e fianchi!


Gli esperti, inoltre, sono concordi nel sostenere che la frutta andrebbe consumata almeno due volte al giorno, possibilmente lontano dai pasti. Ma se è vero che mangiare solo frutta è troppo sbilanciato (e quindi sconsigliato), è altrettanto veroche questa tipologia dialimenti può essere uno snack ideale per spezzare la fame durante il giorno.

Mangiare frutta, quindi, non fa necessariamente ingrassare, ma sicuramente gli zuccheri della frutta stessa possono innalzare la quota calorica giornaliera a discapito del dimagrimento complessivo.

La frutta che fa dimagrire la pancia

È importante tenere presente che esistono anche dei frutti che incidono positivamente sul dimagrimento localizzato. Per ottenere una pancia piatta, ad esempio, i più consigliati sono:

  • Pere: ricche di fibre (circa 3 g per ogni 100 g di polpa), aiutano a dimagrire e accrescono il senso di sazietà;
  • Pompelmi: regolano la produzione di insulina e aiutano ad immagazzinare il grasso sottocutaneo;
  • Banane verdi: ricche di amido, accrescono il senso di sazietà, bruciano i grassi e contribuiscono a ridurre l’assorbimento dei nutrienti e delle calorie;
  • Ananas: fortemente diuretico, viene consigliato anche a fine pasto perché contiene un enzima (bromelina) che favorisce la digestione delle proteine.

Il beneficio della frutta fresca

Ma è vero che il melone, l’uva e le mele fanno ingrassare? E che anche mangiare tanta anguria faccia realmente ingrassare? Per rispondere a queste domande è importante partire da una considerazione di massima: quando si parla di frutta non è mai consigliato eccedere con le quantità. Fermo restando, tuttavia, che la stessa non deve mai mancare sulla tavola perché contiene vitamine, sali minerali, zuccheri e fibre.

La sua struttura è formata all’80% da acqua, mentre il valore calorico dipende soprattutto dallo zucchero contenuto. Pertanto, per dimagrire in vista della prova costume, è meglio optare per varietà ipocaloriche e poco zuccherine.

Le ciliegie fanno ingrassare?

Le ciliegie contengono poche calorie: 100 g di prodotto, infatti, apportano 60 kcal. Inoltre, sono ricche di vitamine, acqua, magnesio, potassio e contengono numerosi polifenoli.

Le proprietà delle ciliegie sono innumerevoli: oltre a non far ingrassare, contrastano l’invecchiamento cutaneo, riducono gli stati infiammatori e hanno un basso indice glicemico.

La banana fa ingrassare?

Potreste aver sentito dire che le banane facciano ingrassare, mentre altri dicono che le banane sono benefiche per la perdita di peso. Chi ha ragione?

Coloro che mettono in guardia contro il consumo di banane per paura dell’aumento di peso stanno guardando il contenuto di carboidrati, in particolare lo zucchero. Le banane sono abbastanza ricche di zucchero e questi possono trasformarsi in grasso corporeo più rapidamente rispetto ad altri nutrienti. Inoltre il loro conteggio calorico è superiore a molti altri frutti. Una tazza di fette di mela ha circa 60 calorie, mentre una tazza di fette di banana ha circa 135 calorie.

Quelli pro-banana affermano che la frutta ben confezionata ha la quantità perfetta di carboidrati e calorie per uno spuntino soddisfacente e salutare.

Alcune persone dicono addirittura che è possibile mangiare una quantità illimitata di banane (o qualsiasi frutto) e non ingrassare, poiché il frutto è ricco di vitamine, minerali e sostanze nutritive.

Frutta da evitare nella dieta

Chi vuole dimagrire deve tenere presente che la frutta secca fa ingrassare, così come le mandorle e le noci. Questi alimenti sono indubbiamente salutari e sfiziosi, ma è bene limitare la loro assunzione quotidiana per non eccedere con l’apporto calorico. In assenza di acqua, infatti, questi cibi aumentano in modo esponenziale il quantitativo di zuccheri, pur essendo ricchi di minerali e fibre.

Inoltre, è bene ridurre (ma non escludere) anche l’assunzione di frutta oleosa. Ipercalorica, contiene acidi grassi insaturi (Omega 3), vitamina E, magnesio, ferro e calcio e mantiene basso il colesterolo.

Le calorie della frutta

Per capire quale frutta consumare se si è a dieta è bene consultare una tabella delle calorie. Di seguito, quindi, vi riassumiamo le quantità contenute in varie tipologie di frutti (facendo riferimento a 100 grammi di prodotto):

  • Cachi 66 Kcal
  • Pere 50 Kcal
  • Melone 48 Kcal
  • Albicocche 47 Kcal
  • Mandarini 46 Kcal
  • Arancia 45 Kcal
  • Pesche 40 Kcal
  • Anguria 30 Kcal
  • Limone 28 Kcal
  • Melacotogna 29 Kcal
  • Frutto della passione 62 Kcal
  • Melagrana 62 Kcal
  • Mango 60 Kcal
  • Fichi 57 Kcal
  • More 54 Kcal
  • Lamponi 38 Kcal
  • Fragole 35 Kcal
  • Amarene 33 Kcal
  • Papaya 33 Kcal
  • Ananas 54 Kcal
  • Prugne 52 Kcal
  • Banane 90 Kcal
  • Uva 72 Kcal
  • Ciliegie 68 Kcal
  • Arachidi 571 Kcal
  • Anacardi 598 Kcal
  • Castagne 189 Kcal
  • Fichi secchi 250 Kcal
  • Uva passa 280 Kcal
  • Datteri secchi 287 Kcal
  • Banane secche 273 Kcal
  • Albicocche secche 266 Kcal
  • Noci 525 Kcal
  • Nocciole 385 Kcal
  • Noci di cocco 353 Kcal
  • Mandorle 575 Kcal
  • Pistacchi 601 Kcal
  • Cocco 604 Kcal

Parole di Elisabetta Parise

Sono laureata in lettere e specializzata in Social Media Communication, grande appassionata di grammatica e letteratura italiana. Divoro libri e serie Tv e in qualità di Web Content Editor scrivo di salute, benessere e attualità.