Kate Winslet denuncia l'omofobia che ancora circola a Hollywood

Per la prima volta, l'attrice britannica parla apertamente dell'ostracismo di Hollywood nei confronti degli attori omosessuali: "dovrebbe essere illegale"

Kate Winslet

Foto Getty Images | John Phillips

Riflettori puntati, red carpet, costumi stravaganti e commoventi discorsi dal palcoscenico degli Oscar, quando si pensa a Hollywood, si tende a immaginarla come a una grande isola di arte, sfrontatezza e libertà. Ma basta metterci piede per capire che nulla è come sembra e che un tema apparentemente sdoganato, come l’omofobia, rappresenta a Hollywood ancora un grande tabù. Ad aprirci le porte di Hollywood è l’attrice britannica Kate Winslet, che in un’intervista al The Sunday Times denuncia l’omofobia che ancora serpeggia dietro le quinte del palcoscenico più luccicante al mondo.

Kate Winslet parla degli attori gay costretti a nascondersi

Vittime di ostracismo sarebbero, secondo l’attrice, soprattutto gli attori uomini gay. “Non saprei dirti quanti giovani attori io conosca, qualcuno famoso, qualcun altro agli inizi, e sappia essere spaventati dal fatto che la loro sessualità possa essere rivelata e possa, in qualche modo, ostacolarne la carriera, impedendo loro di ottenere ingaggi per ruoli eterosessuali“, ha rivelato l’attrice durante l’intervista.

Kate Winslet riporta l’attore di attore molto famoso a cui è stato detto di non pubblicizzare la sua bisessualità. Ma non è il solo. “Posso pensare almeno a quattro attori che nascondono il proprio orientamento sessuale. Ed è doloroso. Non vogliono essere scoperti“, ha continuato Kate Winslet, sottolineando come la discriminazione sia rivolta soprattutto agli attori uomini.

È tremendo. Hollywood dovrebbe lasciarsi alle spalle il vizio di chiedersi se un attore gay può interpretare un eterosessuale“, commenta l’attrice britannica, che condanna apertamente un atteggiamento che “dovrebbe essere illegale e invece è molto diffuso“.

“Vorrei ci fosse meno omofobia”

Ma come si possono cambiare dall’interno le dinamiche di una macchina da milioni di dollari come Hollywood? Il primo passo per farlo è parlarne, squarciare quel velo di indifferenza e discriminazione che ancora esiste, proprio come ha fatto l’attrice Kate Winslet. “Io non voglio condurre un attacco nei confronti di Hollywood, ma mi piacerebbe che si parlasse dei giovani attori, vorrei che per loro ad Hollywood ci fosse meno giudizio, meno discriminazione, meno omofobia“, ha concluso l’attrice.

Parole di Linda Pedraglio