Ha ucciso fidanzata e suocera, sconto di pena di 57 giorni perché la cella è troppo piccola

Un uomo si è visto scontare la pena in carcere di 57 giorni e ricevere un risarcimento di 24 euro perché la cella dove stava non rispettava gli standard UE. L'uomo sta scontando una pena di 20 anni per il duplice omicidio della fidanzata e della suocera, ma la cella in cui era detenuto era troppo piccola e non rispettava la misura standard di 6 metri quadri imposta dall'Unione Europea. Non soddisfatto della decisione dei giudici, l'uomo ha presentato ricorso in Cassazione

Pubblicato da Giulia Martensini Venerdì 26 gennaio 2018

Ha ucciso fidanzata e suocera, sconto di pena di 57 giorni perché la cella è troppo piccola

Un detenuto ha ricevuto uno sconto di pena di 57 giorni perché la cella era troppo piccola. Le sistemazioni precedenti infatti, nelle carceri di Vicenza e Rovigo, erano così piccole da non rispettare gli standard imposti dall’Unione Europea. L’uomo, 40 anni, ora detenuto nel carcere di Prato, sta scontando dal 2000 la pena per il duplice omicidio della fidanzata e della suocera e per il rapimento di una bambina di due mesi.

Sconto di pena e risarcimento per la cella troppo piccola

I giudici del tribunale di sorveglianza di Firenze, oltre a scontargli di 57 giorni la durata della detenzione gli hanno anche riconosciuto un risarcimento pari a 24 euro. L’uomo, secondo quanto riporta il Giornale di Vicenza, sta scontando una pena di 20 anni di reclusione, a cui ne erano stati aggiunti altri 8 per rapina, furto e resistenza a pubblico ufficiale.
Il detenuto, non soddisfatto dalla decisione dei giudici, ha annunciato il ricorso in Cassazione che ora verrà discusso a Firenze.

Celle troppo piccole: quali sono gli standard UE

57 giorni di sconto di pena perché la cella del carcere non rispettava gli standard UE. Secondo lo standard fissato dal Comitato per la prevenzione della tortura (Cpt) del Consiglio d’Europa ogni detenuto ha diritto di vivere da solo in 6 metri quadrati, a cui si aggiunge lo spazio per i servizi sanitari.
In caso di condivisione della cella con altri detenuti, dovrà comunque avere a disposizione un minimo di 4 metri quadrati- sanitari esclusi.
Gli standard degli spazi vitali per ogni detenuto nelle prigioni sono stati oggetto di molti interventi da parte, soprattutto, della Corte Europea per i diritti umani, che più volte ha sottolineato come il fenomeno del sovraffollamento delle carceri in molti paesi europei, inclusa l’Italia, leda la dignità dell’essere umano.