Cosa avere per creare un guardaroba minimal (e senza fronzoli)

Se pensate che il vostro armadio sia davvero troppo pieno, ma non avete mai nulla da mettere, dovreste scoprire il look minimal: ecco i capi essenziali

ragazza bionda frangetta cappotto beige jeans maglione nero stivaletti

Foto Getty Images | Edward Berthelot

Spesso ci ritroviamo con l’armadio pieno, ma niente da mettere. È una frase che sembra ripetitiva e ridondante, ma è vera. Il motivo è che abbiamo troppe cose, quando invece basterebbero pochi capi minimal per riuscire ad essere chic e alla moda sempre.

Ecco cosa avere in guardaroba per un look minimal, senza fronzoli, ma sempre di moda.

ugg ultra mini cappotto beige borsa chanel
Foto Getty Images | Christian Vierig

Il cappotto classico super minimal

Che preferiate un classico trench, o un cappotto di lana. L’importante è che il capospalla sia un evergreen. Per il colore, bisogna rimanere fedeli alla semplicità: beige, nero, grigio o blu, per adattarsi a quasiasi look.

La camicia bianca

Le varianti per la camicia sono infinite: oversize, slim, lunga, dritta. L’importante è che abbia i bottoni e che sia bianca per lo stile minimal che cerchiamo. Può essere usata sia per look eleganti, che casual. Perfetta sia per l’ufficio che per la spiaggia.

camicia bianca leggings neri
Foto Getty Images | Christian Vierig

Il blazer nero

Anche in questo caso, la semplicità è l’arma vincente. Negli ultimi anni il blazer è sempre più oversize, ma se amate uno stile più sciancrato andrà benissimo. Un capo intramontabile, adatto alla primavera come giacca, o all’inverno sotto al cappotto.

Il maglione minimal

Indossato con i jeans, o anche sopra ad un abito. Il maglione nero è sempre adatto, ma deve essere di buona qualità per resistere all’uso e ai lavaggi. Le fibre naturali permetteranno traspirazione e comodità, quindi meglio investire in un maglione nero.

Tailleur nero Zara
Foto Zara.com

I pantaloni tailleur

Da abbinare al blazer per un look formale con le decolette, o con le sneaker e i calzini colorati per un tocco più casual mantenendo uno stile minimal.

L’abito minimal

Soprattutto se in colori neutrali, l’abito con spallina a spaghetto è un capo minimal che potrà essere sfoggiato a qualsiasi cena elegante senza risultare mai banale.

cappotto lungo grigio sneakers bianche
Foto Getty Images | David Dee Delgado

Le sneakers bianche

Anche se potreste farvi tentare da stampe, inserti colorati o metallizzati, un capo minimal necessario sono delle sneakers bianche. E potete scegliere tra pelle e tessuto.

Il mocassino classico

Molte pensano che il mocassino sia una calzatura “da vecchia”, ma non è così. Negli ultimi anni soprattutto il mocassino è un trend irrinunciabile. Se non volete esagerare, le loafer sono perfette, mentre per qualcosa di più particolare un modello college con calzino bianco.

mocassini borsa chanel
Foto Getty Images | Jeremy Moeller

La tuta: un unico pezzo minimal

La maxi tuta fa il look con un solo capo, cosa potremmo volere di meglio? In versione estiva può anche essere corta e con spallina sottile, mentre per l’inverno si potrebbe puntare su una tuta di jeans o velluto.

I jeans dal taglio perfetto

Scegliere il paio perfetto, lo sappiamo, è difficilissimo. Devono vestire perfettamente, essere comodi, fasciarci nei punti giusti. Ma una volta che li avremo trovati, i jeans sono un capo irrinunciabile per il look minimal.

Jeans e maglietta
Foto Getty Images | Edward Berthelot

L’abito minimal, ma di maglia

Casual e caldo, in inverno l’abito di maglia è il perfetto capo minimal da usare con gli stivali e il cappotto.

La tote bag

Anche in questo caso, stampe e colori non si sposano bene con lo stile minimal. Quindi non volete una tote bag troppo classica, puntate su pellami alternativi: magari invecchiata, o in scamosciato.

Borsa Telfar
Foto Farfetch

Gli stivali per l’inverno

Ogni inverno c’è un trend diverso, è vero. Quest’anno potrebbe andare la platform, l’anno prossimo il tacco a rocchetto. Ma un paio di stivali in pelle, nera o marrone, al polpaccio in pelle liscia saranno perfetti per i prossimi cento anni.

Parole di Elena Pavin

Mi chiamo Elena Pavin, classe 1994, ho conseguito il diploma artistico solo prima di scoprire di non voler fare l’architetto né la designer. Così ho cambiato radicalmente i miei piani: all’Università di Milano-Bicocca ho studiato giapponese e mi sono laureata in Comunicazione interculturale, ho terminato i miei studi diplomandomi alla Scuola di Giornalismo. Amante dell’arte, incuriosita dalle tendenze, fanatica dell’enogastronomia (tanto da decidere di diventare sommelier). Nel 2020 ho iniziato a collaborare con Alanews e Deva Connection