Il film su Greta Thunberg arriva on demand, una vera "forza della natura"

Il film su Greta Thunberg sarà disponibile on demand dal 14 novembre 2020 e racconterà l'incredibile storia della giovane attivista svedese

Greta Thunberg

Foto Getty Images | Pablo Blazquez Dominguez

Chiunque viva sul pianeta terra conosce Greta Thunberg. Attivista, nata a Stoccolma nel 2003, la giovane è nota per le sue battaglie contro il cambiamento climatico e le manifestazioni tenute a Riksdag, in Svezia, con lo slogan Skolstrejk för klimatet, che letteralmente significa “Sciopero scolastico per il clima”.

Di recente Greta si è interessata anche alle elezioni americane e ha chiesto di votare Joe Biden. Quando poi è stato eletto, l’attivista ha scritto a Donald Trump, che l’aveva pesantemente criticata, “Donald rilassati”, usando le stesse parole scritte in un tweet dal tycoon.

Dopo aver sfiorato il Nobel per la pace, andato al Programma alimentare mondiale, Greta è tornata a promuovere in prima persona lo sciopero globale per il clima del venerdì, iniziato proprio nell’autunno di due anni fa.

A soli 17 anni Greta Thunberg è una vera e propria icona per la sua generazione

A soli 17 anni, Greta Thunberg è riuscita a riportate in cima alle priorità di tutto il mondo l’agenda sul clima, le problematiche del global warming e lo sfruttamento delle risorse del pianeta.

Il suo attivismo è apprezzato in ogni angolo del mondo e Greta è diventata una vera e propria icona tra i giovani della sua generazione che la seguono e hanno avviato manifestazioni analoghe a quelle della giovane attivista in tutta Europa.

Il film sull’attivista sarà disponibile on demand dal 14 novembre

Proprio per la sua eccezionalità e il suo incredibile ruolo nel mondo contemporaneo, il regista Nathan Grossman ha realizzato il documentario “I Am Greta, Una forza della natura”, presentato all’ultima Mostra del cinema di Venezia.

Il film, che ripercorre l’incredibile storia di Greta Thunberg, era inizialmente destinato alle sale, ma a causa delle norme anti-Covid sarà disponibile on demand a partire da domani, sabato 14 novembre.

Non sono la bambina arrabbiata che urla davanti ai leader mondiali, non sono come alcuni media mi rappresentano, sono una ragazza timida, studiosa, una nerd che ha a cuore il presente e il futuro del Pianeta e dunque anche il mio” ha detto l’attivista tornando a frequentare il ginnasio dopo essersi presa un anno sabbatico nel 2019.

Nel film viene raccontato l’inizio dell’attivismo di Greta. Tutti i venerdì, racconta la giovane, stava davanti al Parlamento, seduta sul marciapiede e con in mano il cartelloSciopero scolastico per il clima”. Greta Thunberg, attraverso un gesto così semplice, ha pian piano dimostrato come un’azione solitaria possa diventare collettiva, diventando settimana dopo settimana catalizzatore per migliaia di ragazzi.

Il film racconta anche le paure e la solitudine di Greta Thunberg

Grossman sceglie di raccontare nel suo docufilm anche le paure, le notti insonni, i digiuni e la solitudine di una ragazza giovanissima alle prese con una cosa decisamente più grande di lei. Qualcosa che però, con grande ostinazione, è riuscita a portare avanti, diventando così il simbolo della determinazione di tutta la sua generazione.

Greta è entrata nelle più importanti aule del potere globale, da Strasburgo alla Commissione Europea, dall’Eliseo francese all’Onu a New York, portando il suo messaggio un po’ ovunque.

La crisi del Covid ha colpito tutti, sconfiggere il virus è un priorità, non si possono gestire due crisi insieme: per questo le questioni ambientali, la lotta sul climate change è stata messa in pausa, invece dobbiamo capire che è urgente e non si può mollare se vogliamo avere un futuro” ha detto l’attivista ribadendo il suo impegno e la sua volontà di essere sempre in prima linea nella questione.

Parole di Alanews