Gelosia omicida: ragazzo ucciso a coltellate dalla fidanzata. Era nell’idromassaggio nudo con due donne

La 21enne in tribunale ha dichiarato di aver agito per legittima difesa: lui l'avrebbe minacciata di morte

Pubblicato da Beatrice Elerdini Lunedì 8 ottobre 2018

Gelosia omicida: ragazzo ucciso a coltellate dalla fidanzata. Era nell’idromassaggio nudo con due donne
Foto: Pixabay

Christopher Person è stato ucciso a coltellate dalla fidanzata che non ha retto all’impulso della gelosia: l’uomo si trovava completamente nudo nella vasca idromassaggio con altre due donne, quando Demi Harris l’ha scoperto. La compagna, subito dopo il folle gesto, pare si sia pentita, ma ormai era troppo tardi. Ora si trova in stato di arresto e al giudice ha dichiarato di aver agito per legittima difesa: il fidanzato l’avrebbe minacciata di morte.

La dinamica dell’omicidio

La vicenda si è consumata lo scorso febbraio in Gran Bretagna. Durante un party organizzato dalla coppia nella villetta bifamiliare in cui vivevano, Christopher, 39 anni, è entrato nella vasca idromassaggio nudo insieme a due ragazze. Quando Demi, 21 anni, se n’è accorta si è precipitata verso il compagno e nella fretta è scivolata, finendo dritta in acqua. Oltre a essere stata umiliata dal comportamento indecoroso del fidanzato è stata derisa da tutti i presenti.

L’ira della 21enne a quel punto si è tutt’altro che placata: dapprima ha rovesciato una bottiglia piena di solvente nell’idromassaggio, poi ha interrotto la corrente elettrica. A quel punto la festa era finita per tutti e di lì a poco sarebbe iniziato l’inferno per Chris.

E’ stata una coinquilina, tornata a casa, a ritrovare il corpo del 39enne riverso a terra in un lago di sangue. Demi, visibilmente in stato di shock, ha confessato subito l’omicidio all’amica: ‘L’ho accoltellato. Ma dovevo farlo, dovevo: ha minacciato di uccidermi’. Christopher è stato trasportato d’urgenza in ospedale, ma è morto durante un intervento chirurgico effettuato per sanare le ferite allo stomaco.

Il processo

Ora la giovane si trova in carcere e durante le udienze si è difesa sostenendo di aver agito per legittima difesa: lui avrebbe minacciato di ucciderla. Al momento non vi sono tuttavia prove a sostegno di tale tesi.

A fine settembre, nel Siracusano, una donna è stata uccisa a coltellate sull’uscio di casa: l’ex fidanzato della figlia ha poi confessato.