Gela, rissa tra mamme alla recita di Natale: volevano stare in prima fila per fare i video

Al tafferuglio si sono uniti anche altri parenti. Alla fine qualcuno ha chiamato la Polizia

Gela, rissa tra mamme alla recita di Natale: volevano stare in prima fila per fare i video

Doveva essere una giornata di festa nella scuola elementare di contrada ‘Albani Roccella’, a Gela, in Sicilia, ma improvvisamente una rissa ha rovinato l’atmosfera natalizia. Le mamme di due bambini che avrebbero partecipato alla recita scolastica si sono letteralmente prese a botte: entrambe volevano rimanere in prima fila per poter filmare al meglio il proprio figlio. 

Così lo spettacolo di Natale dei bambini si è trasformato in un’autentica rissa. A un certo punto molti genitori, vista la situazione, hanno deciso di andarsene. I piccoli, vestiti da angioletti e personaggi del presepe sono rimasti impietriti dinanzi a quello che stava succedendo. Terrorizzati e delusi di non aver potuto portare a termine il loro spettacolo.

+++VIDEO+++ GELA, RISSA FRA DUE MAMME PER UN POSTO ALLA RECITA DI NATALE https://www.95047.it/gela-rissa-fra-due-mamme-per-un-posto-alla-recita-di-natale/

+++VIDEO+++GELA, RISSA FRA DUE MAMME PER UN POSTO ALLA RECITA DI NATALEhttps://www.95047.it/gela-rissa-fra-due-mamme-per-un-posto-alla-recita-di-natale/

Pubblicato da 95047 su Lunedì 17 dicembre 2018

 

Le due mamme protagoniste del tafferuglio si sono scambiate calci, pugni e schiaffi. Lo scontro ha coinvolto anche alcuni loro familiari e parenti. A un certo punto la situazione sembrava degenerare, così qualcuno ha pensato bene di chiamare la Polizia. Immediato l’intervento di due volanti.

Tutti i coinvolti nella rissa, due donne e due uomini, sono stati fermati e trasferiti in commissariato, dove sono stati identificati e deferiti alla magistratura. Tutti hanno riportato ferite e contusioni. I video girati dai genitori dei piccoli presenti alla recita sono stati acquisiti dagli inquirenti.

LEGGI ANCHE: Padre di un alunno sferra un pugno alla maestra che si era lamentata delle assenze del figlio

Parole di Beatrice Elerdini