Furti nei cimiteri: individuato il ladro di fiori, bambole e cimeli dalle tombe

'Il responsabile è una persona che ha bisogno di aiuto', ha dichiarato il vicecomandante Paolo Carestiato.

Pubblicato da Beatrice Elerdini Giovedì 24 maggio 2018

Furti nei cimiteri: individuato il ladro di fiori, bambole e cimeli dalle tombe

Una vicenda grottesca arriva dalla provincia di Venezia: sono stati ritrovati diversi oggetti che erano stati rubati dal cimitero di San Donà di Piave e con buona probabilità anche da quello di Passarella. Si tratta di rosari, fiori, statuine, giocattoli, peluche, cimeli di varia natura di scarso valore economico, ma pregni di significato affettivo. Molte persone della zona infatti si erano ritrovate con le tombe dei propri cari defraudate di quei piccoli ricordi che vi avevano apposto in segno del proprio affetto verso la persona scomparsa. Ora il ladro è stato individuato dalle Forze dell’Ordine.

Tra i numerosi oggetti ritrovati, gli agenti hanno individuato anche i ricordi lasciati da una coppia di genitori sulla tomba della loro bambina. Si è trattato dell’ultimo furto messo a segno dal ladro, il giovedì prima di Pasqua. Da allora sono partite le indagini della Polizia locale di San Donà, sotto la supervisione del vicecomandante Paolo Carestiato, con la collaborazione del Comando di Musile. Il colpevole è stato finalmente individuato e denunciato per furto. Tutti gli oggetto trafugati dai cimiteri sono stati rinvenuti nell’appartamento dell’uomo con cittadinanza italiana e residente in un Comune del Sandonatese.

Il vicecomandante ha dichiarato riguardo alla vicenda: ‘E’ una situazione molto triste. Verosimilmente la persona individuata compulsivamente sottraeva ricordi dai cimiteri per accumularli in casa propria. Siamo di fronte a una persona che ha bisogno di aiuto. Invitiamo chi avesse subito sparizioni di ricordi dalle tombe dei propri cari a rivolgersi al Comando nei normali orari di apertura. Si invita a tenere conto della delicatezza della situazione e a non aggiungere dolore a chi già lo ha provato’.