Finta dottoressa rapisce un neonato dalle braccia dei genitori: scarcerata dopo 24 ore. E’ polemica

I giudici hanno deciso che la donna non potrà uscire dai confini della provincia di Guadalajara, non potrà avvicinarsi all'ospedale e avrà l'obbligo di firma settimanale

Pubblicato da Beatrice Elerdini Martedì 5 febbraio 2019

Finta dottoressa rapisce un neonato dalle braccia dei genitori: scarcerata dopo 24 ore. E’ polemica
Foto: Pixabay

A Guadalajara, una finta pediatra ha sottratto un neonato dalle braccia dei genitori. Ha raccontato loro di dover sottoporre il piccolo a degli esami e invece se l’è portato via. La donna, 47 anni, è stata poi identificata dalla Polizia e arrestata. Soltanto 24 ore dopo però è stata rilasciata, scatenando l’indignazione della Spagna. 

La finta dottoressa, residente nei pressi di Guadalajara, a causa della perdita di un figlio era finita in una profonda depressione. Di lì la decisione di sottrarre un neonato a un’altra famiglia. La donna si è introdotta in ospedale con un piano ben definito in mente. Ha finto di essere una pediatra e ha sottratto il piccolo ai genitori. I due coniugi si sono subito accorti che c’era qualcosa di strano in quella donna e così hanno immediatamente avvertito i medici dell’ospedale e le Forze dell’Ordine.

Fortunatamente, poche ore dopo il rapimento, gli agenti sono riusciti a rintracciare la donna nel suo appartamento. La 47enne è stata subito arrestata.

Il giorno dopo, la testata spagnola, 20minutos.es, ha riportato la notizia della sua scarcerazione. La donna, accusata di rapimento di minore e usurpazione di funzioni pubbliche, si trova ora in regime di libertà provvisoria. Non potrà uscire dai confini della provincia di Guadalajara, ha il divieto assoluto di avvicinarsi all’ospedale e l’obbligo di firma settimanale.

La decisione dei giudici ha suscitato innumerevoli polemiche nel popolo spagnolo.

LEGGI ANCHE: Delhi: bambina senza tetto di 2 anni rapita, violentata e abbandonata sui binari del treno