Festa della Donna, le poesie più belle per festeggiare l’8 marzo

Quali sono le più belle poesie per la Festa della donna? Da quelle dei grandi poeti, come le poesie dedicate alle donne di Pablo Neruda o Alda Merini, a quelle degli scrittori contemporanei, come Fabio Volo. Queste frasi poetiche le potremo dedicare a tutte le donne che amiamo

da , il

    Festa della Donna poesia

    Per la Festa della Donna le poesie più belle sono un regalo semplice ma pensato che facciamo a noi stesse e alle donne che amiamo. L’8 marzo è vicino e non mancano i motivi che ci spingono a continuare ad onorare questa ricorrenza. Mimose e serate in discoteca possono andare bene, così come le cene con le amiche, un viaggio (magari in treno, visto che in questo periodo ci sono molte promozioni), un bel trattamento relax in un Centro Benessere. Segnare in rosso sul calendario la casella dell’8 marzo, può servirci soprattutto per meditare sulla condizione femminile in Italia. Fare il punto su quello che c’è da fare per arrivare all’agognata “parificazione” tra uomo e donna, a livello lavorativo, sociale, morale e psicologico, e immaginare il tipo di mondo che vorremmo per noi e per le nostre figlie, cominciando subito a muoverci in prima linea per modificare le cose che non ci piacciono, a partire dalla nostra piccola realtà quotidiana. La Festa della Donna è anche un buon momento per prendere ispirazione dalle grandi donne che ci fanno da modello, del passato e del presente, e magari, per farlo anche attraverso le loro parole, i loro versi. Sono tante le poesie sulle donne, scritte dalle donne ma anche dagli uomini, e rileggerle non può farci che bene. Nutrimento per la mente e per l’anima. Eccone giusto qualcuna…

    Le poesie sulle donne forti

    INNO ALLA DONNA – ALDA MERINI

    Stupenda

    immacolata fortuna

    per te tutte le creature del

    regno

    si sono aperte

    e tu sei diventata la regina

    per te gli uomini

    hanno preso

    innumerevoli voli

    creato l’alveare

    del pensiero

    per te donna è sorto

    il mormorio dell’acqua

    unica grazia

    e tremi per tuoi

    incantesimi

    che sono nelle tue mani

    e tu hai un sogno

    per te ogni estate

    un figlio per ogni pianto

    un sospetto d’amore

    per ogni capello

    ora sei donna tutto un

    perdono

    e così come vi abita

    il pensiero divino

    fiorirà in segreto

    attorniato dalla tua grazia

    Poesie scritte dalle donne per le donne

    A TUTTE LE DONNE – ALDA MERINI

    Fragile, opulenta donna, matrice del

    paradiso

    sei un granello di colpa

    anche agli occhi di Dio

    malgrado le tue sante guerre

    per l’emancipazione.

    Spaccarono la tua bellezza

    e rimane uno scheletro d’amore

    che però grida ancora vendetta

    e soltanto tu riesci

    ancora a piangere

    poi ti volgi e vedi ancora i tuoi figli,

    poi ti volti e non sai ancora dire

    e taci meravigliata

    e allora diventi grande come la terra

    e innalzi il tuo canto d’amore

    Poesie brevi dedicate alle donne

    DONNA NON SEI SOLTANTO L’OPERA DI DIO – RABINDRANATH TAGORE

    Donna, non sei soltanto l’opera di Dio,

    ma anche degli uomini, che sempre

    ti fanno bella con i loro cuori.

    I poeti ti tessono una rete

    con fili dorati di fantasie,

    i pittori danno della tua forma

    sempre nuova immortalità.

    Il mare dona le sue perle,

    le miniere il loro oro,

    i giardini d’estate i loro fiori

    per adornarti, per coprirti,

    per renderti sempre più preziosa.

    Il desiderio del cuore degli uomini

    ha steso la sua gloria

    sulla tua giovinezza.

    Per metà sei donna, e per metà sei sogno.

    DONNA – MADRE TERESA DI CALCUTTA

    Tieni sempre presente che la pelle fa le rughe,

    i capelli diventano bianchi,

    i giorni si trasformano in anni….

    Però ciò che è importante non cambia;

    la tua forza e la tua convinzione non hanno età.

    Il tuo spirito è a colla di qualsiasi tela di ragno.

    Dietro ogni linea di arrivo c’è una linea di partenza.

    Dietro ogni successo c’è un’altra delusione.

    Fino a quando sei viva, sentiti viva.

    Se ti manca ciò che facevi, torna a farlo.

    Non vivere di foto ingiallite…

    insisti anche se tutti si aspettano che abbandoni.

    Non lasciare che si arrugginisca il ferro che c’è in te.

    Fai in modo che invece che compassione, ti portino rispetto.

    Quando a causa degli anni non potrai correre, cammina veloce.

    Quando non potrai camminare veloce, cammina.

    Quando non potrai camminare, usa il bastone.

    Però non trattenerti mai!

    SORRISO DI DONNA – ALDA MERINI

    Sorridi donna

    sorridi sempre alla vita

    anche se lei non ti sorride

    Sorridi agli amori finiti

    sorridi ai tuoi dolori sorridi comunque

    Il tuo sorriso sarà:

    luce per il tuo cammino

    faro per naviganti sperduti

    Il tuo sorriso sarà:

    un bacio di mamma

    un battito d’ali

    un raggio di sole per tutti

    A tutte le donne

    Fragile, opulenta donna, matrice del paradiso

    sei un granello di colpa

    anche agli occhi di Dio

    malgrado le tue sante guerre

    per l’emancipazione.

    Spaccarono la tua bellezza

    e rimane uno scheletro d’amore

    che però grida ancora vendetta

    e soltanto tu riesci

    ancora a piangere,

    poi ti volgi e vedi ancora i tuoi figli,

    poi ti volti e non sai ancora dire

    e taci meravigliata

    e allora diventi grande come la terra

    e innalzi il tuo canto d’amore

    Poesia sulla donna di Pablo Neruda

    PER IL MIO CUORE

    Per il mio cuore basta il tuo petto,

    per la tua libertà bastano le mie ali.

    Dalla tua bocca arriverà fino al cielo

    ciò che stava sopito sulla mia anima.

    E’ in te l’illusione di un giorno.

    Giungi come rugiada sulle corolle.

    Scavi l’orizzonte con la tua assenza,

    Eternamente in fuga come l’onda.

    Ho detto che cantavi nel vento

    come i pini e come gli alberi maestri delle navi.

    Come quelli sei alta e taciturna.

    E di colpo ti rattristi, come un viaggio.

    Accogliente come una vecchia strada.

    Ti popolano echi e voci nostalgiche.

    Io mi sono svegliato e a volte migrano e fuggono

    gli uccelli che dormivano nella tua anima.

    Poesia sulle donne di Fabio Volo

    Da quando ti ho incontrata

    è come se in ogni parola che dico nella mia vita

    ci fosse una lettera del tuo nome,

    perché alla fine di ogni discorso

    compari sempre tu.