Ex ballerina con l'Alzheimer ascolta "Il lago dei cigni" e danza: il video che sta facendo commuovere

La protagonista del video, girato circa un anno fa, è l'anziana Marta C Gonzalez, ex prima ballerina della compagnia New York City Ballet negli anni Sessanta

Lago dei cigni

Foto Instagram | @musicaparadespertar

Tre minuti di poesia pura, un video che tocca il cuore e che sta facendo il giro del mondo. La protagonista del video è Marta C Gonzalez, prima ballerina della compagnia New York City Ballet negli anni Sessanta. Nel video, girato circa un anno fa, Marta è ormai un’anziana signora affetta da Alzheimer. La vediamo mentre, seduta in sedia a rotelle, ascolta un brano del celeberrimo balletto “Il lago dei cigni” del compositore russo Čajkovskij.

La danza di Marta

Come le note iniziano a risuonare nelle cuffie, Marta fa cenno di alzare il volume e lì avviene il miracolo. La ex prima ballerina comincia a muovere le braccia e la testa, con la grazia e la delicatezza di un tempo. Anche il volto cambia improvvisamente e nei suoi occhi si accende il ricordo delle sensazioni provate tanti anni prima, ballando sulle note de “Il lago dei cigni”.

Dopo aver terminato la sua performance, Marta C Gonzelz viene accolta dagli applausi degli operatori sanitari della casa di cura di Valencia, dove Marta, che ora non c’è più, ha trascorso gli ultimi mesi di vita. “Mi sono emozionata“, confessa la ex prima ballerina all’infermiere seduto accanto a lei, che con dolcezza stringe la mano. “È normale. Sei tu che ci hai fatto emozionare ballando“, la rassicura lui. E lei risponde con un sorriso: “Bisogna sollevarsi sulle punte“.

Il potere della musica

Il video è stato condiviso sui social dall’ente benefico Musica Para Despertar in occasione dell’anniversario della morte dell’ex ballerina, avvenuta esattamente un anno fa. Musica para Despertar è ente benefico spagnolo che utilizza la musica nelle vite dei pazienti malati di demenza senile per migliorare il loro umore e far riaffiorare i ricordi.

L’emozione di Antonio Banderas

Cinquantatré anni fa era una ballerina del New York City Ballet. La musica di Čajkovskij è riuscita a superare in astuzia il suo Alzheimer – scrive Antonio Banderas nel post in cui condivide il video – . È passato un anno da tutto questo. Ora, in occasione della sua morte, la diffusione di queste immagini serve come un meritato riconoscimento della sua arte e della sua passione“.

Parole di Alanews