Chi è il marito di Kamala Harris? 6 cose sul primo "second gentleman" degli Usa

Avvocato, papà e super innamorato di Kamala Harris, Douglas Emhoff sembra davvero un perfetto "second gentleman"

Douglas Emhoff

Foto Getty Images | Mark Makela

Kamala Harris sarà la prima donna Vice Presidente d’America. Ma cosa sappiamo di suo marito, Douglas Emhoff, che farà la storia come primo “second gentleman” degli Stati Uniti d’America?

E’ un avvocato

Douglas Emhoff è partner della ditta DLA Piper, dove lavora a Los Angeles e Washington DC. Secondo la sua biografia ufficiale, Emhoff “è un avvocato di grande esperienza e un consulente strategico“, che “rappresenta le grandi società nazionali e internazionali e alcuni degli individui di più alto profilo in controversie complesse in materia di affari, immobili e proprietà intellettuale“.

La coppia si è conosciuta a un appuntamento al buio

Ma quando è sbocciato l’amore tra Kamala Harris e Douglas Emhoff? La coppia si è conosciuta a un appuntamento al buio. Erano entrambi sulla quarantina: Emhoff, divorziato, e Kamala Harris, single. A fare da cupido è stata la migliore amica di Harris, Chrisette Hudlin, una consulente per le pubbliche relazioni. Nella sua biografia, “The Truths We Hold”, Kamala Harris racconta quanto sia stato difficile come personaggio pubblico avere una normale vita di appuntamenti.

Quando ha incontrato Emhoff, Kamala Harris era, infatti, procuratore generale della California. “Sapevo che se avessi portato un uomo con me a un evento, le persone avrebbero iniziato immediatamente a speculare sulla nostra relazione“, ha scritto Harris. E aggiunge: “Sapevo anche che le donne single in politica sono viste in modo diverso dagli uomini single. Non abbiamo la stessa libertà quando si tratta della nostra vita sociale“.

È stata una storia d’amore travolgente

La mattina dopo il loro primo appuntamento, Emhoff avrebbe scritto un’email a Kamala Harris. “Sono troppo vecchio per giocare o nascondere la palla“, ha scritto. E poi: “Mi piaci davvero e voglio vedere se riusciamo a farlo funzionare“. I due si sono sposati, dopo neppure un anno, con una cerimonia civile presso il tribunale di Santa Barbara un venerdì pomeriggio. La sorella minore di Harris, Maya, ha officiato il rito.

Era un papà single

Quando Emhoff incontra per la prima volta Kamala Harris, era divorziato con due bambini piccoli e condivideva la custodia con la prima moglie, Kerstin. Harris ha in più occasioni raccontato di essere stata pienamente accolta sia dai figli che dalla ex moglie di Douglas. Secondo un articolo di Vogue del 2018, il figlio Cole si è laureato al Colorado College nel maggio 2017 e poi è andato a lavorare come assistente presso la William Morris Endeavour. La figlia Ella è una studentessa della Parsons School of Design.

I suoi account sui social media sono in gran parte un omaggio a sua moglie

Sulla base della frequenza e del contenuto dei suoi post nell’ultimo anno, il magazine Refinery29 ha scritto: “Emhoff fa francamente vergognare la maggior parte degli altri mariti di Instagram“. La sua biografia su Instagram recita: “Papà. @Kamalaharris Maritino. Avvocato“.

View this post on Instagram

I’ve got you @kamalaharris. As always. ❤️

A post shared by Doug Emhoff (@douglasemhoff) on

Prima del primo dibattito presidenziale di Harris, Emhoff ha pubblicato una foto di loro due, con la didascalia: Cara Kamala Harris: ti amo, credo in te, e sono così orgoglioso di te. L’intero paese vedrà quello che vedp io ogni giorno. Sei fantastica”.

E’ ebreo

Il fatto che Emhoff sia ebreo sembra aver sorpreso e deliziato molti dei sostenitori di Kamala Harris, alcuni dei quali, per l’occasione, hanno omaggiato sui social i propri matrimoni misti. La storia del “marito ebreo” è stata, per un certo periodo, un argomento di tendenza su Twitter, con tanto di post di congratulazioni da parte di altri coniugi. “Mariti ebrei di donne più straordinarie, questo è il nostro momento“, ha twittato il giornalista Ben Hartman. E ancora: “Grande giorno per la calda comunità maschile ebrea americana“, ha scritto il collaboratore di New York Eric Levitz.

Parole di Alanews