Dopo un aborto spontaneo uccide una donna incinta per rubarle il feto

Messico: Cinthia Fatima aveva abortito alcuni mesi prima, tenendo il fatto nascosto a tutti. Per dimostrare al marito che non era accaduto così tanto tempo prima, ha deciso di adescare una 20enne incinta sui social network per poi ucciderla e strapparle il feto. La donna è stata arrestata ed è stata avviata un'inchiesta per chiarire l'intera vicenda.

da , il

    Dopo un aborto spontaneo uccide una donna incinta per rubarle il feto

    Una donna, dopo un aborto spontaneo, ha ucciso una 20enne incinta per strapparle il feto: si tratta di un’autentica storia dell’orrore che arriva dal Messico. La protagonista di questa terribile vicenda si chiama Cinthia Fatima: secondo gli inquirenti, dopo aver conosciuto in rete Jessica Gabriela, l’avrebbe attirata nella sua casa di Tampico, nello stato di Tamaulipas, per poi ucciderla. La donna, insieme al marito del tutto ignaro dell’aborto della compagna, è stata arrestata, dopo che il corpo di Jessica è stato ritrovato nel loro appartamento in avanzato stato di decomposizione.

    Secondo le ricostruzioni degli investigatori, Cinthia Fatima avrebbe attratto la giovane Jessica, 20enne in dolce attesa, dapprima contattandola sui social network, poi inviandole dei vestitini per bambina. La giovane si sarebbe quindi recata nella casa di Cinthia: dopo alcuni giorni i familiari ne hanno denunciato la scomparsa. Immediatamente le Forze dell’Ordine si sono allarmate collegando la denuncia di scomparsa di Jessica con un altro insolito fatto: una donna si è recata in ospedale presentandosi come la sorella di Cinthia con un feto morto tra le braccia. Secondo i media avrebbe spiegato ai medici che Cinthia aveva partorito da poco in casa, tuttavia altre fonti hanno invece portato alla luce il fatto che la donna aveva abortito diversi mesi prima, senza rivelarlo a nessuno. Secondo le ricostruzioni degli inquirenti dunque, Fatima avrebbe contattato diverse donne incinte in rete, col fine spaventoso di ucciderne una per rubarle il feto. Cinthia sperava col suo piano folle di convincere il marito che non aveva abortito mesi prima.

    I pubblici ministeri della Procura Generale locale hanno avviato un’indagine sul terribile fatto di cronaca: al momento non è ancora noto come la donna sia riuscita a strappare il feto dal grembo della madre morta.