Diplomatica inglese violentata e strangolata in Libano: arrestato un tassista

Una diplomatica inglese, Rebecca Dykes è stata trovata morta in Libano. La donna 30 anni, lavorava all'ambasciata del regno Unito a Beirut. Secondo le prime ricostruzioni sarebbe stata violentata e poi strangolata con una fune, da un tassista che in seguito ha confessato l'omicidio e adesso è in arresto. Secondo la polizia si tratterebbe di un semplice atto criminale senza connotazioni politiche.

Pubblicato da Giulia Martensini Lunedì 18 dicembre 2017

Diplomatica inglese violentata e strangolata in Libano: arrestato un tassista
La diplomatica inglese Rebecca Dykes / ansa

Una diplomatica inglese, Rebecca Dykes è stata trovata morta in Libano. Il corpo della giovane è stato ritrovato sul ciglio di una strada nel governatorato del Metn e la polizia ha confermato che è stata uccisa. Rebecca lavorava all’ambasciata del Regno Unito a Beirut dal gennaio 2017 come responsabile per il programma e le politiche del Dipartimento di Sviluppo Internazionale. Il corpo è stato ritrovato dalla polizia libanese sabato scorso e lunedì un tassista libanese è stato tratto in arresto dopo aver confessato l’omicidio.

Assassinio di una diplomatica inglese: nessun movente politico

L’omicidio della diplomatica inglese non ha connotazioni politiche, secondo la polizia, ma si tratterebbe semplicemente di un atto criminale. Secondo le prime ricostruzioni, La donna sarebbe stata prima violentata e poi soffocata. L’assassino si sarebbe poi disfatto del corpo gettandolo lungo la statale. La sera dell’omicidio, Rebecca si trovava con un’amica in un bar nel centro di Beirut da cui se ne sono andate intorno alla mezzanotte. Da quel momento di Rebecca si è persa qualsiasi traccia. La giovane, proprio sabato, avrebbe dovuto prendere un aereo per l’ Inghilterra per trascorrere le vacanze natalizie. La polizia ha riferito che atti criminali del genere in Libano sono molto rari grazie all’alto livello di sicurezza del Paese.

Diplomatica inglese strangolata con una fune, arrestato un tassista

«Siamo devastati dalla perdita della nostra amata Rebecca – ha riferito la famiglia in un comunicato – Stiamo facendo tutto il possibile per capire cosa è successo. Rebecca Dykes, 30 anni, aveva studiato alla Scuola Internazionale Cinese, poi Antropologia all’Università di Manchester e si era laureata in Relazioni e Affari Internazionali all’università di Londra. Nel curriculum anche un volontariato a Hong Kong per i diritti umani e uno stage in Bahrein nel 2009.Da un anno si trovava a Beirut presso l’ambasciata inglese.
La polizia ha disposto una seconda autopsia per accertare le cause della morte e confermare la violenza: dalle prime ricostruzioni infatti, Rebecca sarebbe stata strangolata con una fune. Gli investigatori hanno interrogato tutti i presenti nel bar di sabato sera e chiunque sia entrato in contatto con la donna nel corso della serata. Lunedì mattina l’arresto del tassista che avrebbe confessato l’omicidio della giovane.