Decapita la compagna, movente shock: 'La sua zuppa di cavoli non era gustosa'

L'uomo, 43 anni, ha confessato l'omicidio poche ore dopo l'arresto. Pochi giorni fa un altro delitto, maturato in un contesto simile al caso che sconvolge il mondo.

donna

Foto: Pixabay

Gli agenti di polizia in servizio nella città russa di Kozlovka l’hanno trovata senza vita, decapitata: è una donna di 47 anni, uccisa dal compagno per una zuppa. Nelle fasi iniziali dell’indagine, è stato difficile risalire all’identità della vittima, poi la sconvolgente confessione dell’uomo.

Continua a leggere

Continua a leggere

Decapitata per una zuppa

Il corpo senza vita di una 47enne è stato scoperto dalle autorità russe a Kozlovka. Il particolare raccapricciante è che è stata decapitata e ad agire, secondo la sua confessione, è stato il compagno.

Continua a leggere

L’uomo l’avrebbe massacrata perché “la zuppa di cavoli che ha cucinato non era gustosa“. Si legge questo tra le carte dell’inchiesta sul brutale omicidio.

Il reo confesso, 43 anni, si trova in carcere, e stando alle numerose testimonianze rese da alcuni conoscenti della coppia, avrebbe iniziato ad assumere un comportamento aggressivo dopo la perdita del lavoro.

Continua a leggere

Continua a leggere

Non ci sarebbe alcun precedente violento a suo carico, e dopo aver ammesso le sue responsabilità in ordine alla morte della convivente ha smesso di collaborare con gli inquirenti.

Stando a quanto si apprende tramite il quotidiano Readovka News, a scatenate la furia omicida dell’indagato sarebbe stata la pessima dote culinaria della vittima.

Aveva cucinato una zuppa insipida di Shchi (piatto tipico russo, ndr)”, riferiscono fonti di polizia,  questo sarebbe bastato per la sua condanna a morte.

Continua a leggere

Continua a leggere

Il 43enne è accusato di omicidio volontario e avrebbe tentato il suicidio dopo la mattanza.

Si tratta del secondo omicidio, nel giro di pochi giorni, maturato in un contesto simile: la scorsa settimana, una 31enne è stata arrestata con l’accusa di aver pugnalato a morte il marito (35 colpi, secondo l’autopsia). Il movente, anche in questo caso, sarebbe legato alla cucina: la vittima avrebbe criticato i piatti della consorte, finendo per morire.

Continua a leggere

Continua a leggere

LEGGI ANCHE: Decapita moglie e tre figli dopo averli narcotizzati

Parole di Giovanna Tedde

Giornalista pubblicista, mi occupo da anni di contenuti web in salsa multicolor: dalla cronaca nera a quella rosa, passando per approfondimenti sull'attualità e una sana dose di buona cucina…

Da non perdere