Cucina: ricetta risotto al vino rosso con guanciale

Una prelibata ricetta di un primo piatto che vede protagonista il guanciale, accompagnato da vino rosso e cavolini di Bruxelles. Buon appetito!

Risotto al vino rosso

Foto di Francesco83/Shutterstock.com

Oggi vi proponiamo la ricetta di un primo piatto. Per l’esattezza si tratta di un risotto al vino rosso con guanciale. E’ importante scegliere il guanciale e non la pancetta visto che tra i due salumi ci sono piccole differenze fondamentali: il guanciale è infatti ricavato da guancia e collo del suino, più saporito e morbido oltre che più grasso. E’ in genere molto utilizzata in ricette tipiche laziali come ad esempio l’amatriciana e la carbonara. Ma procediamo per gradi e dopo esservi procurati gli ingredienti, indossate il grembiule e mettetevi ai fornelli.

Di seguito gli ingredienti necessari per 6 persone:
-500g di riso per risotti
-300g di cavolini di Bruxelles
-250g di guanciale
-6 piccoli scalogni
-2 bicchieri di vino rosso (400ml)
-Grana padano grattugiato
-Concentrato di pomodoro
-1,2 litri di brodo vegetale
-Sale grosso, fino, pepe
-Burro, olio extra vergine d’oliva

Pulite i cavolini di Bruxelles tagliando le basi e scartando le foglie esterne sciupate. Sfogliateli e scottateli 2 minuti in acqua bollente salata. Riducete intanto in dadini di mezzo centimetro circa il guanciale. Portate a bollire il brodo e nel frattempo in una casseruola soffriggete per 3 minuti gli scalogni puliti affettati a 1 centimetro di spessore con olio e burro. Versateci quindi il riso e lasciatelo tostare mescolando per un minuto. Bagnate il riso con il vino rosso e lasciatelo evaporare per altri 3 minuti circa e portate a cottura il risotto aggiungendo il brodo un mestolo per volta. Aggiungete anche un cucchiaio di concentrato di pomodoro. Aggiungete a fine cottura sale e pepe a piacere.
Fate appassire in una padella a parte per 5 minuti il guanciale con olio e le foglie dei cavolini. A risotto ultimato aggiungete una noce di burro e una spolverata di grana grattugiato, tenendo mescolato il tutto. Servite quindi il risotto con lo stufato di cavolini, da mescolare insieme solo quando è tutto in tavola. Buon appetito!

Idea tratta dal mensile “Io Cucino”.

Parole di Ryan86