Cronodieta di Mauro Todisco: esempio di menu e tabella

La cronodieta di Mauro Todisco si basa sul principio che i carboidrati vanno consumati la mattina mentre le proteine la sera: ecco per voi un esempio di menu per seguire la dieta.

la cronodieta

La cronodieta è stata inventata da due ricercatori Italiani, Mauro Todisco e Paolo Marconi, agli inizi degli anni ’90 e si basa sul principio che i cibi, per non farci ingrassare, devono essere assunti ad orari prestabiliti: da qua la convinzione, decisamente molto diffusa, che le proteine vanno consumate la sera e i carboidrati la mattina e per pranzo. Secondo la tabella di marcia della cronodieta, la colazione è da consumarsi dalle 7:30 alle 09:30, con uno spuntino entro le 10:30; il pranzo sarà compreso tra le 12:30 e le 14:30, la merenda entro le 17:00 e la cena dalle 19:00 alle 21:00, ricordando che dalle 17:00 è vietato consumare carboidrati ma anche frutta zuccherina, oltre ad alcuni tipi di verdure. Vediamo nel dettaglio come funziona questa dieta dimagrante.

Continua a leggere

Cronodieta, come funziona

Ma come funziona questo regime alimentare? La cronodieta si basa su un principio molto semplice ovvero che i cibi ingrassano più o meno in base all’orario in cui vengono assunti. Si tratta di una dieta che è stata ideata da due ricercatori Italiani, Mauro Todisco e Paolo Marconi, agli inizi degli anni ’90. La cronodieta quindi, segue l’incrollabile principio che i carboidrati vanno mangiati a pranzo e le proteine vanno assunte a cena. La dieta però si basa anche sui valori ormonali di ogni persona e proprio per questo prima di intraprendere la dieta le persone dovrebbero sottoporsi ad un esame del sangue: l’esame servirà per capire chi ha prevalenza dell’ormone della crescita e chi ha prevalenza del cortisolo, per adattare la dieta in base alle caratteristiche personali. L’ormone della crescita infatti aiuta lo sviluppo di muscoli e dello scheletro e un suo eccesso porta ad un accumulo di grasso nella zona addominale mentre il cortisolo aiuta il metabolismo di zuccheri e grassi e in questo caso l’adipe sarà distribuito su glutei e fianchi.

Continua a leggere

Il menu tipo della cronodieta

Secondo i principi base di questa dieta, il consumo di carboidrati non va associato mai al consumo di proteine: inoltre durante i pasti in cui si consumano carboidrati sarebbe meglio evitare di consumare vino, birra o caffè. Ecco quindi un esempio di menu con le indicazioni per seguire correttamente la dieta. I carboidrati andrebbero consumati solo al mattino: ottimo il pane per la colazione, mentre riso, pasta e farina di mais vanno bene per il pranzo. Per la sera via libera alle proteine di carne, pesce, uova e latticini e alle verdure. Attenzione però perché le verdure troppo ricche di zuccheri non sono adatte per la cena: da evitare quindi barbabietole, carote, carciofi, broccoli, rape, verze, pomodori, peperoni, melanzane, spinaci, cipolle. Potete consumare la frutta ma solo fino a metà pomeriggio. Per condire poi è ammesso l’olio d’oliva ma non i grassi animali come burro, lardo, latte e yogurt interi, formaggi grassi, insaccati. Si tratta di una dieta che viene utilizzata anche da chi pratica bodybuilding, con un riduzione dei carboidrati anche durante la giornata.

Continua a leggere

Parole di Francesca Bottini

Da non perdere
Potrebbe interessarti anche