Corsa: meglio se si fa in coppia

I benefici della corsa sono tantissimi, ma aumentano se si fa in coppia. Ecco i motivi per cui dovreste trovare un running buddy

running corsa

Pexels | Snapwire

L’uomo è una creatura sociale, ma spesso ce ne dimentichiamo quando si tratta di infilare la scarpe da running e uscire a correre. Il periodo ci impone il distanziamento sociale, ma sono molte le attività che si possono compiere in sicurezza e con un po’ di compagnia, la corsa è una di queste. Ecco perché.

Come trovare la compagnia adatta

Ovviamente, non si può parlare di corsa in coppia se non c’è una compagnia. Certo, correre da soli semplifica la pianificazione degli allenamenti, dato che non si devono conciliare gli impegni con quelli di un’altra persona, e può anche essere piacevole trascorrere qualche momento in solitudine per pensare e scaricare le tensioni. Ma trovando il compagno di running giusto, la corsa si può trasformare in un vero piacere.

Cerchiamo quindi tra amici, familiari e colleghi per primi, persone con le quali siamo già in contatto quotidianamente e che ci daranno la certezza di rispettare l’impegno preso. Può anche essere un buon modo di solidificare i rapporti, o addirittura creare nuovi legami.

Parlando di nuove amicizie nate durante la corsa, i social media sono il perfetto bacino di ricerca: esistono moltissimi gruppi dedicati agli appassionati, dove trovare un running buddy vicino a noi.

Ma quali sono i benefici della corsa in coppia?

I benefici di svolgere attività motoria in due, o più, sono moltissimi, eccone 10 che riguardano proprio la corsa.

  • La socialità. Correndo si ha l’occasione di parlare molto, nonostante possa sembrare difficile le prime volte. Scaricare la tensione con una sessione di running può essere ancora più piacevole se, oltre allo sforzo fisico, si espongono verbalmente problemi e perplessità quotidiani.
  • La distrazione. Qualche volta anche i più appassionati alla corsa possono trovarsi annoiati, magari perché si ripete lo stesso percorso o perché si è distratti e non ci si gode il momento. In questi casi, avere al nostro fianco qualcuno che ci distrae dallo sforzo e ci fornisce nuovi spunti può essere una distrazione positiva.
  • La motivazione. Come appena detto, i nuovi stimoli sono importantissimi quando si corre, specie se si inizia la nostra corsa demotivati e stanchi. Il vostro running buddy potrebbe essere il modo migliore per superare lo scoraggiamento.
  • La responsabilità. Quanti allenamenti vengono posticipati e finiscono nel dimenticatoio perché “non c’è nessuno che controlla”? Troppi. Avere compagnia quando si programma una corsa ci spinge a tenere fede agli accordi e a presentarci sul tracciato senza rinunciare mai a una sessione.
  • Raggiungere gli obiettivi. Avere un obiettivo quando ci si allena è importante, perché ci permette di puntare dritti alla fine della nostra corsa, ma condividere quello stesso obiettivo moltiplica le possibilità di riuscita. Ci si dà la carica a vicenda, ci si prende anche in giro, e si celebrano i piccoli passi avanti.
  • La sicurezza. Il rischio di farsi male quando si va a correre, purtroppo, c’è sempre, ma non è l’unico. Si può essere disidratati, trovarsi in situazioni di allerta, o semplicemente perdersi se non si conosce la zona. In tutti questi casi, avere compagnia durante la corsa ci permetterà di svolgere la nostra attività in totale sicurezza.
  • Un punto di vista esterno. Ovviamente, durante una corsa noi non ci vediamo effettivamente correre. Non siamo in grado di controllare la falcata, la posizione degli arti, la traiettoria. Avendo qualcuno al nostro fianco, invece, lo scambio di feedback e consigli sarà costante, permettendoci di migliorare visibilmente le nostre prestazioni.
  • La novità. Specie quando si è tutti e due già navigati, o quantomeno uno dei due, la possibilità di scoprire nuovi tracciati ci darà la possibilità di eliminare la monotonia dalla nostra corsa.
  • Creare un legame. Quale modo migliore di imparare a conoscersi se non quello di faticare insieme. Condividere uno sforzo, e la soddisfazione che consegue il suo superamento, può essere un modo perfetto per creare un nuovo legame o per risolvere le tensioni con un’amica.
  • Una sana competizione. Non c’è bisogno di spiegarsi troppo: siamo animali sociali, è vero, ma siamo anche ultra competitivi. Le vostre prestazioni, credete, raggiungeranno livelli altissimi se al vostro fianco avrete qualcuno che sembra volervi superare.

Parole di Elena Pavin

Mi chiamo Elena Pavin, classe 1994, ho conseguito il diploma artistico solo prima di scoprire di non voler fare l’architetto né la designer. Così ho cambiato radicalmente i miei piani: all’Università di Milano-Bicocca ho studiato giapponese e mi sono laureata in Comunicazione interculturale, ho terminato i miei studi diplomandomi alla Scuola di Giornalismo. Amante dell’arte, incuriosita dalle tendenze, fanatica dell’enogastronomia (tanto da decidere di diventare sommelier). Nel 2020 ho iniziato a collaborare con Alanews e Deva Connection