Come scattare il selfie perfetto: 5 consigli da seguire

Come si costruisce un selfie a regola d'arte? Dall'angolazione alla composizione, ecco alcuni utili consigli per un selfie perfetto

selfie

Foto Getty Images | Michael Buckner | BMA2015

Era il 2013 quando l’Oxford Dictionary eleggeva il termine “selfie” a parola dell’anno. Da quel momento in poi, la sua popolarità non ha fatto altro che crescere, anno dopo anno, scatto dopo scatto, dando vita a una sorta di arte del “selfie”. Dalla pericolosissima moda dei selfie extreme, scattati su scogliere vertiginose o in punti difficilmente raggiungibili, fino all’asta dei selfie, che ha spopolato in tutto il mondo, dando vita a un vero e proprio nuovo business. Senza addentrarci nell’accidentato universo di tendenze dei selfie, vi diamo oggi alcuni consigli per scattare un selfie perfetto e in totale sicurezza.

Evita le inquadrature dal basso

Partiamo da uno degli elementi più importanti in assoluto per scattare un selfie a regola d’arte: l’angolazione. Sia che decidiate di adoperare l’asta da selfie, sia che a reggere lo smartphone sia il vostro braccio, ricordate che non bisogna mai scattare una foto dal basso: questa angolazione tenderà, infatti, a distorcere le proporzioni, con il rischio di creare un effetto doppio mento. Alzate la fotocamera in alto, inclinate leggermente il volto verso il basso, con una lievissima inclinazione a favore del vostro lato migliore, e scattate.

Sperimenta diverse espressioni

C’è chi strizza leggermente gli occhi, chi li spalanca con effetto cerbiatto, chi sorride e chi preferisce assumere un’espressione leggermente imbronciata: non esiste una regola. L’importante è scegliere un’espressione che valorizzi i lineamenti del vostro viso e restituisca l’emozione che volete trasmettere ai vostri follower.

Ricorda che non ci sei solo tu

Quella che al cinema è chiamata fotografia, nel selfie prende il nome di “composizione” ed è un elemento fondamentale per la riuscita del vostro selfie. Prima di scattare, scegliete con cura lo sfondo della vostra fotografia e alla composizione degli oggetti che appariranno nella foto. Se volete dare risalto al contesto in cui vi trovate, spostate il punto focale del selfie, ovvero il vostro volto, leggermente a destra o sinistra, così che la l’obiettivo possa catturare lo sfondo dietro di voi.

L’illuminazione è fondamentale

Prima di scattare il vostro selfie, scegliete una zona ben illuminata, meglio se vicina a una fonte di luce naturale, come una finestra o all’aperto. Evitate, invece, luci fredde, fioche o – peggio – al neon. Se scattate all’aperto in una giornata dal cielo terso, evitate i momenti in cui sole è ancora molto alto, come a mezzogiorno, e preferite la luce calda del tramonto (o dell’alba per i mattinieri). Infatti, una luce troppo forte rischia di creare ombre indesiderate e accentuare le imperfezioni della pelle. Altro errore da evitare è la fantomatica foto in controluce! Al contrario di quanto si è soliti pensare, una giornata nuvolosa è l’ideale per scattare foto straordinarie, come insegna il grande fotografo Steve McCurry.

Non prenderti troppo sul serio

Ricordatevi, infine, che il segreto per un buon selfie è un pizzico di spontaneità. Dopo aver scelto sfondo, illuminazione e aver curato la composizione, abbandonate il controllo e rilassatevi. Non c’è niente di peggio di un sorriso forzato o una posa rigida e artefatta.

Parole di Linda Pedraglio