Come fare le bath bomb a casa: la ricetta fai da te

Le bath bomb sono piccole sorprese da bagno frizzanti: rilassanti e divertenti, sono perfette per fare un regalo e facilissime da realizzare

Bath bomb fai da te a casa

Foto Pixabay | StockSnap

Sono divertenti, sono rilassanti, sono una perfetta idea regalo, insomma: le bath bomb hanno tutto quello di cui avete bisogno in questo periodo. Molti però non sanno che queste piccole sorprese da bagno frizzanti sono anche facilissime da fare in casa: bastano pochi ingredienti, molti dei quali saranno già presenti nelle nostre dispende, e hanno un costo contenuto.

Cosa serve per fare le bath bomb a casa

Ingredienti per 6 stampini (80-90 grammi):

  • 200 grammi di bicarbonato di sodio
  • 100 grammi di amido di mais (maizena)
  • 100 grammi di acido citrico
  • 30 gocce di olio essenziale a piacere
  • 1 cucchiaino di olio d’oliva
  • Cacao in polvere, curcuma, cannella o coloranti naturali

Cosa servirà:

  • 1 tazzina da caffè
  • 1 bacchetta di legno o 1 cucchiaio di legno
  • 1 ciotola capiente
  • 1 cucchiaino
  • 1 peso (dizionario, pacco di pasta o di riso)
  • 1 spruzzino con acqua
  • 1 bilancia
  • Stampi (involucri di plastica, formine per il ghiaccio, barattoli dello yogurt…)
bath bomb
Foto Pixabay | StockSnap

Come fare le bath bomb home-made

Iniziate mescolando in una ciotola di vetro il bicarbonato di sodio con l’acido citrico (generalmente venduto in granuli in farmacia) e l’amido di mais (o maizena). Proseguite quindi unendo in una tazzina un cucchiaino d’olio di oliva a 30 gocce dell’olio essenziale che preferite.

Adesso gli ingredienti secchi (acido citrico, amido e bicarbonato) potranno essere uniti con l’olio profumato ottenuto: dopo averli incorporati, iniziate a spruzzare dell’acqua nella ciotola con un nebulizzatore.

Se volete ottenere delle bath bomb colorate, ora potrete unire il colorante: un paio di cucchiaini di curcuma, del cacao o della cannella, oppure poche gocce di colorante alimentare. Potreste anche aggiungere dei brillantini o fiori eduli essiccati.

bath bomb
Pixabay | StockSnap

Quando il composto si sarà amalgamato completamente e sarà diventato “lavorabile” (umido ma non troppo, altrimenti la vostra bath bomb inizierà a frizzare ancor prima di essere stata lanciata in acqua), si potrà trasferire negli stampini, meglio se di silicone. In alternativa, anche dei vasetti di yogurt vuoti (e ben puliti) o qualsiasi altro contenitore di plastica non rigida andrà benissimo. 

Dopo aver pressato bene la vostra pasta negli stampi, adagiatele su un ripiano con un peso sopra (qualche libro o un soprammobile) e lasciatele riposare per un paio d’ore. Una volta che si saranno solidificate, potrete estrarre dagli stampi le vostre bath bomb.

Lasciatele asciugare ancora almeno per un’intera giornata prima di utilizzarle o di confezionarle per regalarle.

Parole di Elena Pavin

Mi chiamo Elena Pavin, classe 1994, ho conseguito il diploma artistico solo prima di scoprire di non voler fare l’architetto né la designer. Così ho cambiato radicalmente i miei piani: all’Università di Milano-Bicocca ho studiato giapponese e mi sono laureata in Comunicazione interculturale, ho terminato i miei studi diplomandomi alla Scuola di Giornalismo. Amante dell’arte, incuriosita dalle tendenze, fanatica dell’enogastronomia (tanto da decidere di diventare sommelier). Nel 2020 ho iniziato a collaborare con Alanews e Deva Connection