Colpo di sole e colpo di calore: come difendersi

Il colpo di sole e di calore sono simili ma hanno cause diverse. I sintomi sono gi stessi e per prevenirli bisogna evitare certe situazioni a rischio, come salire sull'auto che è stata a lungo posteggiata al sole, o uscire nelle ore più calde

sole

 
Durante l’estate rischiamo di essere vittime di colpi di sole o colpi di calore. Cosa sono?
Il colpo di sole è causato da un’eccessiva esposizione della testa ai raggi solari, mentre il colpo di calore è provocato da un’elevata temperatura, da un abbigliamento troppo pesante e dall’afa esagerata.
 
Il colpo di calore può avvenire anche all’interno dell’auto troppo calda o comunque in un ambiente chiuso con una temperatura elevata e con molta umidità.
I sintomi sono simili: mal di testa, vertigini, nausea, spossatezza, viso arrossato, sudore freddo, aumento del battito cardiaco. Si rischia anche di svenire e di avere un rialzo della temperatura corporea fino a 41°.
 
Per prevenire il colpo di sole o di calore bisogna evitare di uscire nelle ore più calde, indossare abbigliamento leggero, di cotone e di colore chiaro. Tenere sempre in testa un cappellino se si sta al sole.
 
Se possibile, evitare di salire sull’auto che è stata posteggiata al sole, e comunque, rinfrescare l’abitacolo prima di salirvi.
Bere molta acqua e mangiare frutta e verdura fresche in abbondanza.
 
Le persone più a rischio sono i bambini e gli anziani.
 
Chi è vittima di un colpo di calore o di sole, va portato immediatamente in un luogo fresco e all’ombra, va spogliato e va sdraiato con le gambe sollevate. Se è cosciente deve bere a piccoli sorsi acqua a temperatura ambiente, non fredda. Se non è cosciente, va subito interpellato un medico.
 
Foto:
pro.corbis.com

Parole di Irene