Cina: seconda donna incinta di un bambino geneticamente modificato

Il medico che conduce il discusso esperimento sui bimbi con Dna modificato è He Jiankui, su cui pende l'ombra di un processo per gravi violazioni di carattere deontologico ed etico.

Pubblicato da Giovanna Tedde Martedì 22 gennaio 2019

Cina: seconda donna incinta di un bambino geneticamente modificato
Foto: Pixabay

Dalla Cina arriva la conferma: c’è una seconda donna incinta di un bambino il cui Dna è stato modificato nell’ambito di un esperimento al centro di feroci polemiche. Nel 2018, il team di ricerca guidato dal dottor He Jiankui aveva dato l’annuncio della nascita di due gemelle geneticamente modificate per essere immuni dall’Hiv.

Bambini con Dna modificato

Secondo quanto reso noto dal Guardian, c’è la conferma delle autorità cinesi sulla seconda gravidanza nell’ambito della ricerca condotta da He Jiankui, dell’Università di Shenzen.

Si tratta di un esperimento che, nel 2018, ha portato all’annuncio della nascita di due gemelle con Dna modificato per renderle immuni dall’Hiv.

Una seconda donna è incinta di un bambino geneticamente modificato. Il governo di Pechino aveva dichiarato illegale la ricerca del team, e le indagini sarebbero ancora nel pieno dell’attività.

Un piano segreto per l’esperimento

Secondo quanto emerso, tra i 2017 e il 2018 il dottor He Jiankui avrebbe reclutato personale per condurre l’esperimento in gran segreto. Al progetto avrebbero aderito 8 coppie di volontari, composte da uomini positivi al virus Hiv e da donne negative.

A carico del medico incombe l’ombra di un processo per “gravi violazioni delle normative statali in materia”, mentre lo scetticismo della comunità scientifica mantiene alto il fermento intorno ai problemi etici sollevati dallo studio cinese. Alla ricerca avrebbero partecipato anche professionisti di altre nazionalità.