Come cambia il ciclo mestruale a 20, 30 e 40 anni

Il periodo delle mestruazioni, ogni mese, è uno dei momenti più difficili per le donne. Ecco come cambia il ciclo mestruale dai 20 ai 40 anni

assorbenti esterni e interni

Foto Pexels | Karolina Grabowska

Il periodo del ciclo mestruale per le donne è (quasi) sicuramente uno dei momenti più “difficili” del mese. Tra ritardi e dolori, il flusso mestruale cambia in continuazione. A volte dura quattro giorni ed è regolare, altre volte dura una settimana o poco più, accompagnato da crampi, mal di testa e fastidi vari.

I cambiamenti legati al ciclo sono difficili da prevedere, ma sono inevitabili. Soprattutto, sono legati all’avanzare dell’età e continueranno ad evolversi, legati anche a cambiamenti come la gravidanza e la perimenopausa.

Ciclo mestruale a 20 anni

A 20 anni probabilmente si hanno già le mestruazioni da una decina di anni. Anche se non ci si abitua mai del tutto al ciclo mestruale, in quel periodo, o se ci state passando adesso, avrete notato che le vostre mestruazioni saranno state, o sono, più consistenti. Questo perché, come ha spigato la ginecologa Lauren Steicher a health.com, il ciclo comincia ad equilibrarsi.

Ma non solo. Le ragazze avranno perdite più o meno mensilmente, ma inizieranno a sperimentare anche la sindrome premestruale e cominceranno ad avere crampi e dolori al seno. Questo potrebbe essere, per molte donne, anche il periodo in cui si inizia a prendere la pillola anticoncezionale. Con l’assunzione di questo contraccettivo ormonale, potrebbero esserci anche dei cambiamenti al ciclo mestruale, come perdite più leggere e regolari e soprattutto meno crampi e sindrome premestruale ridotta.

La pillola, inoltre, può anche far scomparire le mestruazioni. Questo perché questi farmaci prevengono l’ovulazione e quindi, senza di essa, il corpo non deve espellere nessun accumulo uterino presente nel corpo.

Come cambiano invece le mestruazioni a 30 anni

In questo periodo, per la stra grande maggioranza delle donne, il ciclo mestruale dovrebbe essere ormai abbastanza prevedibile e costante. Bisogna però fare attenzione ai sintomi, perché un flusso improvvisamente più abbondante o un dolore più intenso possono essere la spia di un problema più grande.

Potreste per esempio essere affette da endometriosi, che causa un dolore importante durante il ciclo mestruale che potrebbe durare anche tutto il mese.

Intorno a quest’età, poi, le donne cominciano a sentire il desiderio di avere dei figli. Le mestruazioni in questo periodo spariscono e tornano, di solito, come spiegano su health.com, a sei settimane dal parto, se non stai allattando al seno.

Se si decide di allattare al seno, il ciclo mestruale non tornerà fino a quando non ridurrete o smetterete di allattare” ha spiegato la dottoressa Sheryl Ross.

Il ciclo mestruale a 40 anni

Intorno ai 40 anni le donne potrebbero iniziare ad entrare in quella che sarà poi la menopausa. In questo periodo che intercorre tra i 40 e i 50 anni, il corpo si prepara a salutare per sempre il ciclo mestruale.

In questi anni i normali cambiamenti ormonali portano ad un’ovulazione più regolare, ma si potrebbero anche manifestare perdite irregolari e una sindrome pre mestruale più lunga. Non va inoltre dimenticato che si può rimanere incinte anche in questo periodo.

Se doveste iniziare ad avvertire qualche dolore insolito, a 20 come a 40 anni, sarebbe meglio rivolgersi al proprio medico per capire a cosa siano dovuti, se siano “casuali” o legati a qualche problema più grave, magari legato alla tiroide, all’ovaio polistico o ad altre malattie.

Parole di Benedetta Minoliti

Benedetta Minoliti, nata a Milano il 24 marzo 1993. Sono laureata in Lettere moderne all’Università degli Studi di Milano e diplomata presso la Scuola di Giornalismo dell’Università Cattolica di Milano. Non esco mai di casa senza le cuffie, ascolterei la musica anche mentre dormo e adoro scattare polaroid. Collaboro con AlaNews nella produzione di contenuti per il network Deva Connection.