Chiede una decolorazione, il parrucchiere cinese le brucia il cuoio capelluto

'Soffrire per abbellire': un detto che si è tradotto in amara e inaspettata realtà per una donna che aveva deciso di dare un nuovo tono al suo look, diventando bionda. A una prima decolorazione non proprio 'ottimale', ne sarebbero seguite delle altre. Uno stress talmente elevato per la cute da causare gravi ustioni.

parrucchiere cinese

Un cambio di look che si è trasformato in un’odissea: protagonista una 25enne che aveva chiesto una decolorazione al parrucchiere cinese, col risultato di vedere bruciato il suo cuoio capelluto. I danni a carico della cute sono stati tali da indurre la donna a rivolgersi al pronto soccorso. La giovane di Signa (Firenze), ha riportato un’ustione di secondo grado.

Continua a leggere

Il parrucchiere cinese le decolora i capelli: ustione di secondo grado

La 25enne avrebbe scelto di rivolgersi a un parrucchiere cinese per diventare bionda. La prima decolorazione avrebbe reso i capelli arancioni: ne sarebbero seguite delle altre per ottenere il risultato sperato dalla cliente.
“Ho avuto un’ustione di secondo grado. Sono venuti a prendermi in ambulanza e mi hanno portato in ospedale. Da lì mi hanno mandato urgentemente all’ospedale di Pisa, al centro ustioni. E mi hanno tagliato i capelli a zero”.
Il racconto della vittima di questa procedura di bellezza azzardata è stato affidato dalla donna al gruppo Facebook “Aiutoavvocato”.

Continua a leggere

Prurito, poi la perdita dei capelli, ciocca dopo ciocca

La ripetuta applicazione del decolorante ha creato il danneggiamento della cute, con contestuale ustione di secondo grado a carico del cuoio capelluto.
La cliente avrebbe immediatamente avvertito un crescente prurito, finendo poi per vedere i suoi capelli cadere davanti ai propri occhi, ciocca dopo ciocca.
Attualmente, a seguito della denuncia presentata dalla 25enne contro il parrucchiere, sono in corso gli accertamenti dei carabinieri: al vaglio i campioni delle sostanze utilizzate nel negozio.

Continua a leggere

Parole di Giovanna Tedde

Da non perdere
Potrebbe interessarti anche