7 consigli su che università scegliere nelle discipline creative

7 consigli su che università scegliere nelle discipline creative

Le imprese dell’industria fashion basano gran parte della loro produzione sulla creatività, investendo periodicamente in quelle personalità che riescano ad esprimere estro e inventiva.

È per questo che oggi è fondamentale frequentare un percorso di alta formazione nelle discipline creative, tenendo conto di alcuni pratici consigli per individuare la migliore università del settore, con una valida offerta per quanto riguarda il campo della moda e della comunicazione.

1. I corsi e il mercato del lavoro

A rendere un istituto valido dal punto di vista formativo non basta una brochure: bisogna tenere conto dei corsi previsti e dei relativi sbocchi professionali, preferendo un’università che offra una formazione completa in relazione ai profili più richiesti dal mondo del lavoro.

Il tutto, in linea con la grande dinamicità che caratterizza il settore creativo, un comparto alla costante ricerca di professionisti allineati alle mutevoli richieste del mercato.

2. Dare la giusta attenzione all’offerta formativa

Senza dubbio, uno degli elementi che nella selezione di un’università dev’essere valutato con estrema attenzione è rappresentato dalla composizione dell’offerta formativa.

Ad oggi, una delle più interessanti è quella proposta da Modartech, il noto istituto d’eccellenza toscano autorizzato dal MIUR che dà accesso a un ottimo programma di formazione accademica qualificante nel settore fashion e della comunicazione.

Per quanto riguarda il comparto della moda, Modartech offre la possibilità di frequentare un corso di laurea in Fashion Design, che dà accesso a 3 diverse aree di potenziamento: illustrazione digitale, modellistica CAD abbigliamento e design calzature e accessori.

Il percorso, della durata di 3 anni, permette di conseguire un Diploma Accademico di Primo Livello – Laurea Triennale e svolgere uno stage presso alcune delle maison più prestigiose dell’industria fashion.

Per quanto riguarda invece il settore della comunicazione, è possibile frequentare il corso triennale di Communication Design, un percorso che, in linea con le più attuali richieste di mercato, permette di conseguire competenze tecniche nel campo della grafica pubblicitaria, del Digital & New Media e della comunicazione nel mondo della moda. Al conseguimento della laurea, lo studente sarà in grado di progettare strategie di azione per promuovere aziende e prodotti o servizi attraverso l’utilizzo della comunicazione, visiva, emozionale e persuasiva.

3. Spazio alle proprie passioni

Prima di iscriversi a un corso di laurea è fondamentale concentrarsi su sé stessi: l’errore più comune è scegliere un settore solo per le prospettive di lavoro, tralasciando tutte quelle attività in linea con le proprie passioni e aspirazioni.

Intraprendere un percorso aderente ai propri interessi e passioni è il solo modo per essere certi che le scelte formative di oggi e quelle professionali del futuro possano portare al successo e a una soddisfazione duratura.

4. Istituti e corsi nelle discipline creative: il curriculum dei docenti

Naturalmente, nella selezione di un istituto è fondamentale prendere in considerazione anche il valore del corpo docenti.

Un’università che vanti una valida offerta formativa nella moda e della comunicazione deve poter disporre di insegnanti di alto profilo, con un bagaglio aggiornato sulle novità del comparto, ma soprattutto costruito tramite una serie di collaborazioni con i più noti brand della fashion industry.

5. L’esperienza degli ex allievi

Anche gli ex allievi hanno un ruolo nella selezione di un’università: gli studenti del passato sono i testimonial più importanti degli istituti didattici del settore creativo, per questo indagare sui profili degli alunni laureati con profitto e sulle loro attuali posizioni lavorative è una delle attività indispensabili per valutare se un percorso possa dirsi realmente valido.

6. L’importanza dei laboratori

Riuscire ad accertarsi della presenza di laboratori e attrezzature didattiche all’avanguardia permette di valutare in modo estremamente efficace la qualità di un corso accademico.

Moda e comunicazione richiedono abilità creative spesso innate, ma solo un istituto dotato di apparecchi e software di ultima generazione può assicurare una preparazione pratica immediatamente spendibile nel mondo del lavoro.

7. Moda e comunicazione tra università e aziende

Anche la possibilità di aderire a fiere, visite didattiche e stage formativi è uno degli aspetti più incisivi nella selezione di un percorso universitario. Nell’ambito della moda o della comunicazione, un dialogo continuo fra istituto e aziende è sinonimo di eccellenza: proprio per questo istituti come Modartech offrono la possibilità di conoscere le più importanti realtà del settore e mettere in pratica ciò che si è acquisito in un percorso in stage.

Entra a far parte del mondo della moda e della comunicazione da protagonista! E se vuoi conoscere in modo più approfondito i corsi dell’Istituto Modartech in partenza a ottobre partecipa all’open day del 13 e 14 settembre: un doppio appuntamento imperdibile per incontrare docenti, osservare i dipartimenti e richiedere un colloquio di orientamento per individuare il percorso più adeguato alle tue inclinazioni.