Cappello Panama: il look dell'estate 2009

Il cappello Panama è uno degli accessori più trendy dell’estate, e se non amate gli enormi cappelli da dive e neanche le visiere versione sportiva allora fa proprio al caso vostro. Questo elegante copricapo proviene dall’Ecuador ed ha una storia davvero divertente. E’ realizzato in paglia lavorata a mano ed è freschissimo!

cappello panama

Se volete ripararvi dal sole, quest’estate il cappello Panama fa proprio al caso vostro, soprattutto se non amate gli enormi cappelli da dive e neanche le visiere versione sportiva. Con questo elegante copricapo sarete le più trendy!

Continua a leggere

C’è da dire che il cappello Panama, mitico copricapo che vi mostriamo per bene nella nostra gallery, il suo ingresso sulle teste più alla moda, lo ha fatto già nell’estate 2008, ma è quest’anno che riceverà la sua vera consacrazione.
 
Eppure dovete sapere che questo elegante cappello, originariamente maschile, ma ormai sdoganato anche a noi ragazze, ha una storia molto particolare.
 
Nonostante il nome possa trarre in inganno, è nato in Ecuador nella città di Cuenca, ma porta questo nome perchè il presidente degli Stati Uniti Theodore Roosevelt lo indossava durante l’inaugurazione del Canale di Panama nel 1906. Le foto che immortalavano quell’evento fecero il giro del mondo e tutti ebbero modo di apprezzare questo bel copricapo, che da allora per tutti divenne il cappello di Panama.
 
Se non vi piacciono i cappelli con un look da dive che vanno tanto quest’estate, con tesa larghissima, e neppure sui semplici cappellini modello sportivo, allora il taglio panama è quello che fa per voi.
 
La freschissima paglia lavorata a mano con la quale sono realizzati questi cappelli, tiene la testa al fresco e protegge dal sole in maniera naturale senza farci sudare.
 
Le star lo hanno già scelto da un pezzo, indossandolo con disinvoltura anche tra le strade di città, e voi, cosa state aspettando?
 
Foto:
www.elle.it
www.verycool.it
moda.noiblogger.com
www.marieclaire.it

Continua a leggere

Parole di Ritana Schirinzi

Da non perdere