Capelli: paura del taglio

Molte persone soffrono di fobie legate al taglio dei capelli. Queste paure infondate nascono nell’infanzia e spesso continuano a manifestarsi anche in età adulta. A questo terrore per i tagli è associato un timore per le lame delle forbici e per il giudizio degli altri che diventa un ostacolo insormontabile per chi è affetto da queste paure legate ai propri capelli. Ecco cosa si cela dietro a fobie di questo tipo.

tagliare i capelli

Moltissime persone hanno una vera e propria fobia quando si tratta di tagliare i propri capelli. Dietro a questi comportamenti ci sono fattori psicologici molto complessi, di cui oggi vi parleremo.

Secondo un recente studio condotto dal National Institute of Mental Health, sono oltre 6,3 milioni gli statunitensi adulti a soffrire di una qualche forma di fobia legata al taglio di capelli e ad esserne colpite sono soprattutto le donne, più sensibili a questo tipo di problema.
 
Ma da cosa è provocata questa ingiustificata paura per il taglio dei propri capelli?
E’ davvero difficile rispondere a questa domanda, perché le motivazioni che possono spingere a tali fobie possono essere molteplici.
 
Nella maggior parte dei casi si tratta di paure infantili che continuano a manifestarsi nell’uomo come dei veri e propri traumi insoluti.
 
Da piccoli, il taglio dei capelli è un gesto inaccettato, le forbici fanno paura per via delle lame che sfiorano la testa e poi si ha un tale attaccamento alla propria chioma, che il taglio è percepito come un’offesa, la perdita di una parte di sé.
 
Ai bambini quasi dispiace vedere i propri riccioli per terra, dopo che il parrucchiere si è messo all’opera, e per loro è difficile starsene buoni e fermi per tutto quel tempo.
 
Negli individui adulti, invece, la paura del taglio, oltre ad essere associata al terrore per le lame, e il senso di pericolo che ne consegue, è da derivare soprattutto alla paura del giudizio altrui.
 
Molti tra coloro che sono affetti da questa fobia, immaginano di essere osservati da tutti durante il taglio dei capelli, e pensano di sentire questa folla di spettatori ridere di loro e ridicolizzarli.
 
Questa ingiustificata paura del parere degli altri arriva ad un punto tale da farli immaginare un intero pubblico giudicante pronto a umiliare il nuovo taglio di capelli, e nasconde probabilmente disordini provocati da fobie sociali, curabili con un trattamento specifico consigliato da uno specialista.
 
Per risolvere tali fobie esistono diverse soluzioni, soprattutto attraverso l’uso di terapie comportamentali e cognitive.
 
La parte cognitiva ha lo scopo di cambiare il modo in cui la persona percepisce nella sua mente l’oggetto delle sue paure, aiutando il paziente a concepire l’atto di tagliarsi i capelli in una luce positiva, superando così le proprie fobie.
 
Foto:
share.triangle.com
www.giasarit.com
www.jolielaidesalon.com

Parole di Ritana Schirinzi

Ritana Schinzi è stata collaboratrice di Pourfemme dal 2008 al 2014, occupandosi principalmente di bellezza, accessori beauty, stile.