Capelli: la ristrutturazione

Esistono dei rimedi per curare l'alopecia, cioè la perdita dei capelli. Ci sono due tipi di intervento chirurgico, oppure l'uso di medicinali

Pubblicato da Irene Martedì 28 aprile 2009

La perdita di capelli non riguarda solo gli uomini, ma anche le donne. Si chiama alopecia quella patologia che consiste nella caduta di capelli in alcune zone della testa o in tutta. Può essere causata da diversi fattori: dopo malattie e cure mediche, dallo stress o da cause genetiche.

Si può intervenire chirurgicamente o con medicinali.

Esistono due tipi di interventi chirurgici per risolvere questo problema: il trapianto di capelli e l’intervento sullo scalpo.

Nel trapianto di capelli, i follicoli presenti in aree dove la crescita è densa, vengono prelevati e spostati nelle zone colpite da alopecia.

L’intervento sullo scalpo è una sorta di operazione di chirurgia estetica perché consente di ridurre lo scalpo nelle persone stempiate. In questo modo l’attaccatura frontale risulterà spostata in avanti.
Questi interventi, però, sono molto costosi e a volte devono essere ripetuti.

I trattamenti medici, invece, prevedono l’utilizzo di farmaci che prevengono la caduta dei capelli.
I farmaci più usatti sono Finasteride e Minoxidil. Il primo è solo per uomini ed è da prendere per via orale, mentre il secondo è un medicinale per uso esterno, anche per donne, da applicare sullo scalpo più volte al giorno. Va applicato quotidianamente e i risultati sono visibili dopo circa 2-3 mesi. Minoxidil costa circa 40 euro a confezione (utile per il trattamento della durata di un mese).

Non va interrotta l’applicazione del medicinale anche quando sono visibili i risultati, altrimenti si provoca un peggioramento.

Foto:

www.01tips.com

www.garnier.co.uk

www.beauty-advices.com

myhamper.net

www.beautychatblog.com