Calo dell'udito: sintomi e cure

Il calo dell'udito, ecco alcune informazioni utili sulle cause, i sintomi e le cure più efficaci in caso di ipoacusia.

ipoacusia cause sintomi cure

Il calo dell’udito, la diminuzione della capacità di sentire, della percezione dei suoni. Un problema che può avere diverse spiegazioni. Diverse possibili cause e altrettanto varie conseguenze, che vanno da disagio alle difficoltà di relazione fino alla sordità completa. I sintomi che accompagnano questa fastidiosa eventualità vanno dal dolore localizzato agli acufeni, ma cerchiamo di saperne di più e di capire anche quali sono le cure più adeguate.

Le cause

I problemi di udito, che possono manifestarsi con diversi gradi di ipoacusia e difficoltà a percepire e riconoscere suoni e parole, interessano soprattutto le persone anziane. Secondo i dati ufficiali soffre di questi disturbi una persona su tre tra gli over 65.

Infatti, tra le cause più accreditate c’è l’invecchiamento. Il calo dell’udito può dipendere anche da: tumori, infezioni, infiammazioni e irritazioni, esposizione ripetuta a rumori ad alto volumi, lacerazioni e traumi a carico del timpano, danni cerebrali e sindrome di Meniérè.

I sintomi

I sintomi, oltre a quello più evidente che dà il nome all’eventualità e ne traccia gli spiacevoli contorni, cioè il calo dell’udito, vanno dal dolore localizzato, che se è colpa di un’infezione o di un processo infiammatorio può essere accompagnato anche dalla comparsa di pus, irritazioni e arrossamenti, alla presenza di acufeni, cioè ronzii nelle orecchie, alla sensazione di orecchie tappate e le vertigini, che si manifestano soprattutto quando la causa del problema è la sindrome di Ménière.

Le cure

Dopo aver ottenuto la diagnosi del problema alla base del calo di udito grazie a una visita specialistica, un esame fisico e i test auditivi, la cura più efficace è quella mirata al trattamento della causa scatenante.

Tra i supporti terapeutici più efficaci ci sono le cure antibiotiche in caso di infezioni, gli interventi chirurgici, in presenza di traumi o anomalie fisiche, e gli apparecchi acustici, per ridurre l’entità del disagio e migliorare la capacità auditiva. Gli apparecchi acustici di ultima generazione sono sempre più piccoli e potenti, efficienti e facili da indossare senza dare troppo nell’occhio. Se la colpa è della sindrome di Meniérè, pur non esistendo ancora cure risolutive efficaci per la malattia, è possibile tenere sotto controllo i sintomi più fastidiosi durante gli attacchi acuti, oltre che con lo stile di vita, anche con la somministrazione di alcuni farmaci, come gli ipertonici, i diuretici e gli antistaminici a effetto centrale.

Parole di Camilla Buffoli

Camilla Buffoli è stata una collaboratrice di Pourfemme dal 2011 al 2017, occupandosi principalmente di salute della donna e tematiche relative alla maternità. Nel corso del 2014, ha scritto di curiosità ed eventi su Nanopress.