California: 13 figli da anni in catene, arrestati i genitori

Dietro la porta di una comune abitazione, l'orrore: i ragazzi salvati dalla polizia a Perris, California, hanno tra i 2 e i 29 anni. Figli della coppia arrestata per reati di maltrattamenti su minori e tortura, si sono salvati per miracolo. A lanciare l'allarme, la telefonata disperata della figlia 17enne, fuggita da quell'inferno di disumane privazioni. E ora emergono i primi, inquietanti, particolari. Mentre la coppia si dichiara 'non colpevole'

Pubblicato da Giovanna Tedde Martedì 16 gennaio 2018

California: 13 figli da anni in catene, arrestati i genitori
David Allen Turpin, 57 anni e Louise Anna Turpin, 49, i coniugi arrestati in California per aver tenuto prigionieri 13 figli in casa. / ansa

Orrore in California, per la vicenda che ha visto protagonisti 13 ragazzi, figli di una coppia che per anni li teneva in catene in casa. Arrestati i genitori, David Allen e Louise Anna Turpin (57 e 49 anni), per reati che vanno dal maltrattamento di minori alla tortura. Provvidenziale è stata la telefonata al 911 della figlia 17enne, riuscita a fuggire per cercare la salvezza da quell’inferno di violenza e privazioni. In catene da anni, intrappolati al letto da lucchetti e senza sufficienti razioni di acqua e cibo: shock anche tra gli inquirenti.

I genitori si dichiarano ‘non colpevoli’

I genitori dei 13 ragazzi sono stati formalmente accusati dei reati di tortura, sequestro di persona, abuso su minori e abuso di adulti a carico, ma una volta apparsi in aula si sono dichiarati “non colpevoli”. Il padre, inoltre, è stato accusato di aver commesso atti osceni nei confronti di una delle figlie.
La cauzione per David Allen Turpin e la moglie Louise Anna è fissata a 1 milione per figlio, per un totale di 13 milioni di dollari.

Ecco come è riuscita a fuggire la figlia 17enne

Intanto emergono i primi particolari sulla fuga della figlia che ha permesso di scoprire e fermare l’orrore. A quanto pare, stava progettando di scappare da ben due anni; uscita inizialmente con una sorella più piccola strisciando sotto una finestra, è rimasta da sola dopo che lei, spaventata e temendo di essere punita, è rientrata in casa.
Ancora non è chiaro agli inquirenti cosa abbia fatto scattare il piano di fuga.

Catene e lucchetti per tenerli legati al letto

Al momento non si sa ancora da quanto tempo andassero avanti le orribili condotte contestate a un 57enne californiano, David Allen Turpin, e alla moglie 49enne, Louise Anna.
Nessuno, secondo la testimonianza di alcuni vicini della famiglia, avrebbe potuto immaginare cosa si nascondesse dietro le mura di quell’abitazione a Perris (California), nemmeno la sorella della donna, che ha dichiarato: “Abbiamo sempre pensato che vivessero la vita perfetta. Ci dicevano che erano andati a Disneyland, che sarebbero andati a Las Vegas”.
La fuga della figlia 17enne dei due coniugi arrestati ha permesso di aprire un varco su un inferno indicibile. Davanti agli inquirenti e ai soccorritori, una scena da film horror: 12 ragazzi legati al letto da catene e lucchetti, privati di cibo e acqua, in un ambiente maleodorante e scarsamente illuminato. Li hanno trovati così, in uno stato di malnutrizione tale da non permettere neppure un primo inquadramento della loro età.

Tutti i divieti imposti ai figli

Nel frattempo, però, la polizia è concorde: ai figli non era permesso giocare né dormire o lavarsi le mani al di sopra dei polsi, pena pesanti punizioni e giorni interi incatenati al letto. Altre punizioni comprendevano strangolamento e percosse.
L’unica attività che era permessa, era la scrittura di diari personali: ora verranno sequestrati ed analizzati per le indagini.
I nonni dei 13 ragazzi hanno dichiarato a ABC News che l’unica istruzione prevista per i bambini era la memorizzazione di lunghi passi della Bibbia: i figli della coppia dell’orrore non conoscono, infatti, il significato di alcuni concetti come “medicine” e “polizia” e non sono mai stati visitati, per esempio, da un dentista.

I 13 figli della coppia hanno dai 2 ai 29 anni

A primo acchito, secondo quanto emerso, la ragazza che ha lanciato l’allarme sembrava avere appena 10 anni. Lo sconcerto è stato ancora più grande dopo la drammatica scoperta che alcuni di loro, 7 secondo le ricostruzioni, avrebbero raggiunto la maggiore età.
I figli della coppia, infatti, hanno tra i 2 e i 29 anni.
All’ombra degli orrendi crimini contestati, il padre avrebbe ottenuto un’autorizzazione per la gestione di una scuola privata proprio in quell’abitazione. Sarebbero 6 gli studenti iscritti nel 2017.

Una famiglia apparentemente normale

In più occasioni, secondo gli scatti della famiglia raccolti in queste ore dalla stampa statunitense, la famiglia sarebbe apparsa in apparente armonia. Lo rivelano le immagini che si rincorrono in rete, in cui appare il nucleo familiare al completo e che, alla luce di quanto emerso, getta una luce ancora più agghiacciante sulla drammatica vicenda.