Caerano San Marco, 19enne picchia la madre: ‘Serva, lavami la maglietta’

Per la vittima, 50 anni, fratture e lesioni al torace. Il figlio è stato allontanato dopo la brutale aggressione, con divieto di avvicinamento ai congiunti. Non si tratterebbe del primo episodio.

Pubblicato da Giovanna Tedde Mercoledì 12 dicembre 2018

Caerano San Marco, 19enne picchia la madre: ‘Serva, lavami la maglietta’
Foto: Pixabay

Una donna di 50 anni, residente a Caerano San Marco (Treviso), è stata vittima di una brutale aggressione. A portarla a termine sarebbe stato il figlio 19enne, che avrebbe messo in atto una lunga sequenza di violenze e vessazioni sino al grave epilogo.

Picchia la madre e la manda in ospedale

Il 19enne allontanato dalla sua casa familiare a Caerano, provincia di Treviso, avrebbe agito contro la madre per lungo tempo prima del drammatico epilogo di poche ore fa.

Con un calcio avrebbe fratturato una costola alla donna, 50 anni, facendola finire in Pronto soccorso. Sul giovane pende l’accusa di maltrattamenti in famiglia.

Secondo la ricostruzione finora emersa, avrebbe aggredito la madre al culmine di un litigio lo scorso 6 dicembre, colpendola senza pietà.

Tutto sarebbe scaturito dal rifiuto della donna all’ordine del ragazzo: “Serva, lavami la maglietta”. Una reazione di ribellione della donna cui sarebbe seguito il pestaggio.

Nel tessuto familiare ci sarebbe un lungo trascorso di episodi violenti, e il giovane avrebbe aggredito anche padre e sorella maggiore.

Ad allertare le forze dell’ordine sono stati gli stessi genitori del 19enne, che hanno immediatamente contattato i carabinieri di Cornuda in seguito all’ultima vicenda.

I militari hanno avviato le indagini sull’accaduto, coordinati dal maggiore Sabatino Piscitello.

La gravità dei fatti ha spinto le autorità ad allontanare il ragazzo, destinatario di un divieto di avvicinamento ai congiunti. A convalidare il provvedimento è stato ill gip Gianluigi Zulian.

LEGGI ANCHE: Calci e pugni alla madre, arrestato