Bimbo di 14 mesi picchiato a morte dalla fidanzata del papà

Il decesso del minore è avvenuto lo scorso 11 ottobre, a causa di un gravissimo trauma addominale subito due giorni prima.

Pubblicato da Giovanna Tedde Giovedì 6 dicembre 2018

Bimbo di 14 mesi picchiato a morte dalla fidanzata del papà
Foto: Pixabay

Ha picchiato a morte il figlio del fidanzato, 14 mesi, provocandogli un gravissimo trauma addominale che non gli ha dato scampo. Per l’atroce delitto del piccolo Logan è stata incriminata la donna che avrebbe dovuto prendersi cura di lui, diventata la sua aguzzina.

Logan, morto a 14 mesi per le percosse

Il piccolo Logan Tracy è morto lo scorso 11 ottobre, nel Michigan, in seguito a un gravissimo trauma addominale causato da brutali percosse. Questo è ciò che spicca tra le carte del processo a carico della fidanzata del papà, che lo avrebbe ucciso perché stufa di occuparsi di lui.

Il minore è arrivato in ospedale due giorni prima del decesso, e ogni tentativo di salvarlo si è rivelato vano.

La donna, attualmente detenuta, è stata incriminata per omicidio colposo. Già madre di due figli, avrebbe agito senza alcuna pietà.

Secondo quanto disposto da un’ordinanza del giudice, non potrà più avere contatti con nessun bambino, tantomeno prendersi cura dei suoi.

Il procuratore aggiunto che ha seguito l’inchiesta sulla morte di Logan ha parlato chiaramente di un lucido disegno omicida, portato a termine dalla donna con il solo fine di liberarsi di un ‘peso’.

Il delitto sarebbe maturato in un contesto di crescente intolleranza verso un ruolo di tutela e controllo del bimbo.

LEGGI ANCHE: Tortura il figlio di 3 anni, lo uccide e lo mura in lavanderia