Bimba di 10 anni stuprata dal patrigno, resta incinta: la madre sapeva

La madre della vittima ha confessato di aver taciuto le violenze per non perdere il suo uomo. Per lui, 36 anni, una condanna a 160 anni di reclusione, per lei 25 anni di cui 5 da scontare in libertà vigilata.

Pubblicato da Giovanna Tedde Venerdì 28 settembre 2018

Bimba di 10 anni stuprata dal patrigno, resta incinta: la madre sapeva
Foto: Pixabay

Orrore senza fine per una bambina di 10 anni, aggredita sessualmente tra le mura domestiche. Stuprata dal patrigno, è rimasta incinta e ha partorito. A violentarla, in diverse occasioni, il patrigno la cui condotta, secondo gli inquirenti, sarebbe stata nota anche alla madre.

Violenta la figliastra: incinta a 10 anni

La cronaca di un incubo senza precedenti arriva dall’Indiana, Stati Uniti. A ricalcare le trame dell’orrore il New York Post, che ha portato a galla l’inferno di una vittima di pedofilia.

La minore ha 10 anni ed è madre di un bambino, nato dallo stupro subito dal patrigno, compagno della mamma. La donna avrebbe confessato agli inquirenti di essere a conoscenza degli abusi sessuali sulla figlia, ma di aver desistito dal denunciare l’uomo che diceva di amarla.

L’uomo ha 36 anni e il processo a suo carico si è concluso con una sentenza di condanna a 160 anni di carcere. Per la madre della bambina una pena di 25 anni, di cui 5 da scontare in libertà vigilata.

La figlia è stata data in affidamento, oggi ha 12 anni e il bambino nato dopo l’ennesimo stupro è stato dato in adozione. Nel febbraio scorso, il caso di una 11enne rimasta incinta dopo le violenze del fratello 14enne ha scosso il mondo.