Bastonate in testa alla nonna per avere soldi per la droga, arrestato un 30enne

La brutale aggressione sarebbe avvenuta nell'appartamento che l'uomo condivide con la madre e la nonna. Al rifiuto della vittima, che secondo le ricostruzioni sapeva che il nipote avrebbe comprato della droga, sarebbe seguita la sequenza di violenze.

da , il

    Bastonate in testa alla nonna per avere soldi per la droga, arrestato un 30enne

    Il 30enne arrestato a Milano per aver preso a bastonate in testa la nonna, che rifiutava di dargli soldi per la droga, non sarebbe nuovo a condotte violente. L’ultimo atto di una lunga serie di tragici fatti si sarebbe consumato nell’appartamento che l’uomo condivide con la vittima e sua madre, anche lei destinataria della sua furia cieca.

    Nonna presa a bastonate dal nipote per la droga

    Bastonate sulla testa per farsi consegnare i soldi e comprare la droga: questo il quadro della situazione in cui si sarebbe trovata un’anziana donna, faccia a faccia con la brutalità del nipote a cui aveva rifiutato il denaro.

    Un vortice di violenze in cui sia lei che sua figlia erano precipitate da tempo: sembra che questo episodio, stando alle ricostruzioni degli inquirenti, non sia un unicum nel tessuto familiare, già fortemente compromesso da altri fatti simili.

    Le due donne, madre e nonna del 30enne bengalese finito in manette, convivono con lui in un appartamento della zona sud di Milano.

    L’arresto per maltrattamenti in famiglia e lesioni

    L’uomo è stato arrestato dalla polizia nella serata di mercoledì 30 maggio, intorno alle 21, proprio nell’abitazione che è stata teatro dell’aggressione. Maltrattamenti in famiglia e lesioni i capi d’accusa.

    Il 30enne avrebbe problemi pregressi di tossicodipendenza, e per la madre 52enne e la nonna di 81 anni si è reso necessario l’intervento del 118. La prima è stata ricoverata in stato di shock, l’anziana, invece, avrebbe riportato ferite con prognosi riservata.

    Agli inquirenti avrebbero rivelato di aver subito maltrattamenti in più occasioni, ma di non aver mai denunciato nella speranza che la situazione potesse normalizzarsi da sé.

    Leggi anche: Milano: la nonna gli chiede di abbassare la musica, lui le rompe il naso