Bambino ingerisce un tappino e rischia di morire soffocato: operato d’urgenza

I casi di inalazione di oggetti estranei da parte di bambini sono in crescita. Un ragazzino di Perugia ha rischiato di morire a causa di un'insufficienza respiratoria

Pubblicato da Maria T. Ferrari Mercoledì 9 maggio 2018

Bambino ingerisce un tappino e rischia di morire soffocato: operato d’urgenza

Foto Di CebotariN/Shutterstock.com
Un bambino di 11 anni di Perugia è stato operato d’urgenza dopo aver inalato un tappino di plastica. Il ragazzino era stato ricoverato dopo aver riferito di aver ingerito un oggetto di plastica.
Il corpo estraneo era però sfuggito agli accertamenti effettuati in ospedale. Poi la grave crisi respiratoria e l’intervento d’emergenza.
Il tappino è stato estratto con una broncoscopia dopo aver eseguito una TAC per individuarlo con precisione. Il ragazzo è ora in buone condizioni ma ha rischiato grosso.
Per cercare di limitare i casi di inalazione accidentale di oggetti da parte dei bambini, purtroppo sempre più frequenti, l’ospedale di Perugia organizza con la sua equipe della clinica pediatrica dei corsi per genitori, insegnanti e infermieri per praticare la disostruzione, manovra che può fare veramente la differenza quando una vita è in pericolo.