Bambino colpito da peste bubbonica, primo caso dopo oltre 20 anni

Quello del minore, negli Stati Uniti, sarebbe il primo caso umano dopo decenni. Si sarebbe ammalato tra aprile e maggio, e ora sono arrivati gli esiti delle analisi di laboratorio che hanno dato la drammatica diagnosi.

Pubblicato da Giovanna Tedde Venerdì 15 giugno 2018

Bambino colpito da peste bubbonica, primo caso dopo oltre 20 anni

Allarme per un caso di peste bubbonica negli USA, il primo dopo oltre 20 anni: colpito un bambino, che si era ammalato circa un mese fa e per cui ora è arrivata la diagnosi. Il minore è stato ricoverato presso un ospedale della contea di Elmore, stato dell’Idaho, e non sono ancora chiare le dinamiche per cui ha contratto la malattia.

Peste bubbonica: paura negli USA

Il caso del bambino affetto da peste bubbonica spaventa gli USA, anche se le sue condizioni sarebbero in netta ripresa.
La patologia causa linfonodi ingrossati o “bubboni”, e la forma polmonare è la più aggressiva. Potrebbe averla contratta nella contea di residenza, in cui si registrano casi nella popolazione di scoiattoli, o durante una vacanza in Oregon.

L’ultimo caso registrato nel 1991

L’ultimo caso umano registrato risale al 1991, e gli esperti raccomandano la massima attenzione alla prevenzione. Occorre trattare i propri animali domestici con i presidi utili contro i parassiti.
Occorre anche avere cautela nel contatto eventuale con specie selvatiche, perché la malattia può anche essere fatale senza una diagnosi tempestiva e un trattamento sanitario adeguato.