Bambina Down sconfigge il cancro due volte prima di compiere 2 anni

Un parto difficile, una diagnosi infausta alla nascita: leucemia connessa alla Sindrome di Down. Ma Grace è una piccola e forte guerriera che è riuscita a vincere la lotta contro il cancro

da , il

    Bambina Down sconfigge il cancro due volte prima di compiere 2 anni

    Grace Rosian è una piccola grande guerriera. Nata in Ohio affetta dalla Sindrome di Down, le viene diagnosticata una particolare forma di leucemia appena nata. Sopravvissuta alla malattia e alle debilitante cure chemioterapiche, la bambina è potuta tornare sana e felice a casa con i genitori e i fratellini.

    Valerie Rosian, la mamma della bambina, era andata in arresto cardiaco durante il parto della piccola Grace e aveva rischiato di morire. Da lì a breve, la donna avrebbe scoperto che i problemi di salute della neonata sarebbero stati molti.

    “Quando Grace è nata, i dottori ci hanno detto che era affetta dalla Sindrome di Down e da una forma di leucemia che colpisce proprio i bambini con questa sindrome”, ha dichiarato la mamma in un’intervista a People, “Pesava due chili e ha iniziato la chemioterapia a 2 giorni di vita. Ho pianto molto e pregato molto”.

    Dopo il trattamento, Grace è stata dichiarata guarita dal cancro a due mesi dalla nascita e la mamma ha potuto finalmente portarla a casa.

    Ma poco dopo la bambina inizia di nuovo a stare male: ha sviluppato una leucemia mieloide come conseguenza del cancro iniziale. La piccola ha affrontato 5 cicli di intensa chemioterapia, in cui ha iniziato a stare molto male: ha perso i capelli, le sono venute le piaghe, ha sofferto di vomito e diarrea molto pesanti.

    La mamma ricorda: “Mi fa male il cuore quando guardo le foto del suo primo compleanno. Abbiamo provato a renderlo speciale, ma lei era così ammalata. Sembrava così ammalata!”.

    La svolta all’inizio di quest’anno, quando comincia finalmente la remissione del cancro di Grace. La piccola è stata dimessa il 21 marzo – nella Giornata Mondiale della Sindrome di Down – ed è potuta finalmente tornare a casa con la sua mamma.